Più stipendio netto per docenti e Ata, pensioni con Quota 103: 62 anni di età e 41 di contributi. BOZZA Legge di Bilancio

WhatsApp
Telegram

Sono oltre 35 i miliardi che il governo intende usare per la Legge di Bilancio 2023 (compresi quelli europei dirottati per l’emergenza energetica).

Si accelera sul varo del provvedimento, non c’è più tempo da perdere se si vuole evitare l’esercizio provvisorio. Venerdì alle 18, a quanto si apprende da fonti parlamentari, è prevista a palazzo Chigi una riunione tra la premier Giorgia Meloni ed i capogruppo della maggioranza.

Quota 103

Tra le misure allo studio prende ormai corpo quella che riguarda le pensioni: per il 2023 entrerebbe in vigore Quota 103, cioè permettere la via d’uscita dal lavoro a chi ha 62 anni di età e 41 anni di contributi. La riforma più ampia, secondo alcune indiscrezioni, preluderebbe l’uscita con il solo requisito contributivo, fissato a 41 anni, senza nessun vincolo anagrafico.

Flat tax al 15% fino a 85mila euro

Per quanto riguarda, invece, la flat tax, ci sarà l’imposta piatta del 15% con ricavi fino a 85mila euro: dagli attuali 65mila all’obiettivo dei 100mila si passa al livello intermedio. Non solo: prevista la cancellazione delle mini-cartelle fino a 1000 euro e uno sconto del 50% di quelle tra 1000 e 3000 euro.

Taglio del cuneo fiscale

Previsto anche il taglio di due punti del cuneo fiscale per i dipendenti, misura già decisa dal governo Draghi: l’obiettivo del taglio sarà quello di incrementare la somma netta percepita dal lavoratore con lo stipendio. Sarà rifinanziato con quasi 4 miliardi di euro. Con cuneo fiscale intendiamo la differenza tra lo stipendio lordo versato dal datore di lavoro per il dipendente e la busta paga netta incassata da questi.  Il governo pensa, dunque, alla proroga della misura per aumentare così i benefici rivolti ai lavoratori, che. avendo più soldi in tasca, avrebbero anche maggiori capacità di spesa.

Leggi anche

Pensioni, incentivi anche per chi rinvia uscita da lavoro. Le ipotesi allo studio per evitare il ritorno della Legge Fornero

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur