Legge di Bilancio, ecco le misure per scuola, cultura e famiglia

WhatsApp
Telegram

Con 312 sì, 146 no e 2 astenuti, la legge di Bilancio è passata in uno dei due rami del Parlamento. Il testo dovrà andare in Senato, dove sono già state annunciate modifiche.

Il testo approvato a Montecitorio, passato prima per il voto di fiducia al Governo, contiene anche misure sulla scuola, sulla cultura e sulla famiglia.

I provvedimenti sulla scuola

Le misure che riguardano la scuola sono varie. E’ bene ricordare che la legge è ancora nel pieno dell’iter parlamentare, il testo potrebbe subire modifiche. Fra i provvedimenti inseriti e molto attesi, c’è anche il reclutamento nella scuola secondaria con l’abolizione del Fit. Qui tutte le info.

Sono stati rivisti i percorsi di alternanza scuola lavoro con una riduzione dell’orario da svolgere per questa attività. Approfondisci

Novità anche per quanto riguarda i servizi di pulizia: non saranno più affidati a servizi esterni con la conseguente internalizzazione del servizio e assunzione, tramite concorso per titoli ed esami, del personale interessato. Approfondisci

Buone notizie anche per le maestre. Almeno 2000 di esse saranno assunte per potenziare il tempo pieno al Sud. Approfondisci

Assunzioni anche per i prof che insegnano nei licei musicali. Per consentire lo svolgimento della seconda ora di strumento, saranno assunti 400 docenti. Approfondisci

I 120 docenti esperti costituenti delle “équipe territoriali formative” sono esonerati dall’insegnamento, per poter diffondere pratiche didattiche innovative in linea con il Piano Nazionale Scuola Digitale. Approfondisci

La legge di bilancio predispone l’autorizzazione, già a partire dal 2019/20, della trasformazione, da tempo parziale a tempo pieno, del rapporto di lavoro degli assistenti amministrativi e tecnici, ex Co.Co.Co., assunti nell’a.s. 2018/2019. Approfondisci

I provvedimenti sulla Cultura

Il testo approvato contiene misure importanti anche per la Cultura. Fra i primi da segnalare ci sono l’emendamento “omnicomprensivo”, firmato dal M5S , denominato “Misure di sostegno e sviluppo nel settore dei beni e delle attività culturali”. Il testo approvato dai Deputati ha però subito modifiche rispetto alla versione presentata ed è stato abbassato a 230 milioni di euro. La ripartizione dei fondi richiesti e il dettaglio dei provvedimenti è elencato sul sito AgCult.it. Altri interventi significativi per la cultura riguardano l’assunzione del personale al Ministero dei Beni Culturali, all’Accademia della Crusca, fondi per le infrastrutture con misure antincendio nei musei e nei luoghi sede del Mibact; risorse per iniziative a favore degli studenti con disabilità presso le Istituzioni AFAM; salvaguardia patrimonio culturale immateriale UNESCO; incremento del fondo per lo sviluppo di investimenti nel cinema e nell’audiovisivo.

I provvedimenti per le famiglie

L’elenco delle misure a sostegno delle famiglie, che vanno dal bonus bebè al congedo paternità, presenti nella legge di Bilancio è stato illustrato con un post da Maria Edera Spadoni del M5S. Andando per capitoli, vanno ricordati: Screening neonatale anche per malattie genetiche; proroga del bonus bebè per il 2019, con aumento del 20% dal secondo figlio; riconfermati il fondo assistenza agli studenti con disabilità e estensione di alcune detraibilità; aumento delle rette per gli asili nido; aumento di un giorno (da 4 a 5) per congedo di paternità; Fondo per le vittime di violenza; donne, il Dipartimento Pari Opportunità metterà a disposizione nel 2019 33 milioni di euro. 

 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito