Legge di Bilancio, confermato il docente di motoria alla primaria dal prossimo anno. Anief chiede l’estensione a tutte le classi

WhatsApp
Telegram

L’ultima versione della Legge di Bilancio 2022, prossima all’esame parlamentare, ha assorbito l’avvio dell’insegnamento dell’educazione motoria nella scuola primaria nelle classi quarte (dal 2023) e quinte (da prossimo mese di settembre) affidandolo, si legge nell’articolo n. 109, a “docenti forniti di idoneo titolo di studio e la iscrizione nella correlata classe di concorso ‘Scienze motorie e sportive nella scuola primaria’”.

Dopo avere superato “specifiche procedure concorsuali abilitanti”, il docente specializzato in attività motoria svolgerà “due ore settimanali di insegnamento aggiuntive, per le classi che non adottano il modello del tempo pieno” e in compresenza in quelle che invece lo adottano: le cattedre saranno assegnate ai vincitori di “concorso per titoli ed esami abilitante, bandito negli anni 2022 e 2023”, da cui scaturiranno graduatorie con “validità annuale”.

Educazione motoria alla primaria, tutto confermato: si parte dal 2022-23. ULTIMA BOZZA Legge di Bilancio [PDF]

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief spende parole di apprezzamento per l’iniziativa parlamentare: “Si sta compiendo quel ritorno all’insegnamento modulare, che il nostro sindacato reclama da oltre dieci anni e che è stata cancellato dal dimensionamento scolastico che ha origine nella Legge 133 del 2008: l’arretramento oggettivi sui risultati e le competenze acquisite, l’abbandono del docente di inglese e l’avere colpevolmente ignorato per tutto questo tempo il docente specializzato in motoria rimangono errori strategici caduti sulle teste incolpevoli dei nostri alunni. Adesso, finalmente, sembra che si voglia dire stop a questo arretramento. E noi lo apprezziamo. Nello stesso tempo, però, riteniamo che vi siano importanti accorgimenti da attuare per evitare spiacevoli discriminazioni: abbiamo a questo proposito predisposto un emendamento correttivo nella Legge di Bilancio, che a breve faremo presentare, perché l’insegnamento dell’educazione motoria va per forza di cose esteso a tutte le classi della scuola primaria. La corretta postura e la crescita fisica sana è fondamentale per la crescita dei bambini, perché dobbiamo continuare a negargliele?”.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia