Legge di bilancio, Anief: il Ministro Bianchi cancella la Carta del docente a 700 mila insegnanti

WhatsApp
Telegram

Il bonus di 500 euro, esentasse, assegnato da cinque anni al personale di ruolo per la formazione continua e l’aggiornamento professionale, confluirà nel MOF e sarà disponibile nella contrattazione integrativa per premiare il merito in modo particolare la dedizione nell’insegnamento, l’impegno nella promozione della comunità scolastica e la cura nell’aggiornamento professionale continuo.

Marcello Pacifico (Anief): “Ci aspettavamo risorse aggiuntive per introdurre specifiche indennità ed estendere il contributo anche al personale precario e amministrativo. Se confermata l’attuale bozza, si tratterebbe di un vero e proprio furto a fronte di una formazione obbligatoria permanente, a proprie spese, che il Governo vorrebbe a regime introdurre per tutti”.

I soldi della Carta del Docente diventano un fondo per la valorizzazione della professione e finiscono nello stipendio, ma non più per tutto il personale di ruolo e saranno pure tassati: è questa la novità inattesa che arriva dalla bozza, presentata in consiglio di ministro di oggi, della manovra di Bilancio 2021: “Al fine di aumentare le risorse finanziarie destinate alla valorizzazione della professionalità del personale scolastico, le risorse relative alla Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado di cui all’articolo 1, comma 121, della legge 13 luglio 2015, n. 107, confluiscono sul fondo di cui all’articolo 1, comma 592”, si legge nella bozza.

Anief esprime la sua netta contrarietà a questo provvedimento: secondo il suo presidente Marcello Pacifico, “il Governo, piuttosto che valorizzare il lavoro del personale della scuola con risorse aggiuntive, priva in questo modo gli insegnanti di ruolo della possibilità di finanziarsi il proprio aggiornamento professionale. Noi, da anni abbiamo chiesto in tribunale e al parlamento di allargare il bonus a tutto il personale precario e amministrativo, non certo di annullarlo. Non può essere questa la strada per incentivare il personale, né per incrementare gli stipendi: è una soluzione inutile, svilente che ci trova fortemente contrari”.

Carta del Docente abolita dal 1° settembre 2022. Soldi saranno usati per premiare la dedizione all’insegnamento dei docenti. BOZZA Legge di Bilancio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur