Legge di Bilancio, 240 milioni per valorizzare la dedizione nell’insegnamento. Carta del docente confermata. ULTIMA BOZZA [TESTO PDF]

WhatsApp
Telegram

La Legge di Bilancio, dopo un lungo travaglio, vedrà la luce nelle prossime ore. Prima la bollinatura della Ragioneria dello Stato, poi la firma del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e l’invio al Senato per l’inizio dell’esame del disegno di legge.

Ci sono novità anche per la scuola. Non solo sul tema delle pensioni di cui riferiamo a parte. C’è anche un aspetto che riguarda la valorizzazione della professionalità dei docenti, l’ormai famoso articolo 108 che è stato al centro di un pomeriggio di fuoco alcune settimane fa. Nella prima stesura del testo si leggeva dell’abolizione della carta del docente, ma la norma era stata stralciata.

Adesso, nell’ultima versione della Legge di Bilancio di cui Orizzonte Scuola è venuta in possesso, si parla di fondo da 240 milioni di euro per il miglioramento dell’offerta formativa (da 30 a 240 milioni dal 2022).

TESTO ULTIMA BOZZA [PDF]

ART. 108.
(Valorizzazione della professionalità dei docenti)

1. All’articolo 1, comma 592, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, sono apportate le seguenti modificazioni: a) dopo le parole “istituzioni scolastiche statali” inserire le seguenti: “premiando in modo particolare la dedizione nell’insegnamento, l’impegno nella promozione della comunità scolastica e la cura nell’aggiornamento professionale continuo”;

b) sostituire le parole “e di 30 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2020” con le seguenti “, di 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021, 240 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022”.

2. All’articolo 1, comma 593, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, sono apportate le seguenti modificazioni: a) alla lettera a) dopo le parole “in attività di formazione, ricerca e sperimentazione didattica” aggiungere le seguenti: “e della dedizione nell’insegnamento e nella promozione della comunità scolastica”;

b) dopo la lettera b) aggiungere le seguenti parole: “c) valorizzazione del costante e qualificato aggiornamento professionale.”

Carta del docente, il governo fa un passo indietro: il bonus 500 euro rimane. Cancellazione viene stralciata dalla bozza [PDF]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur