Legge Bilancio, tutti i provvedimenti sulla scuola approvati alla Camera

WhatsApp
Telegram

La legge di Bilancio ha ormai ottenuto il benestare della Camera dei deputati, dove la questione di fiducia posta dal Governo ha avuto la meglio con 348 voti favorevoli e 144 contrari.

La manovra finanziaria dovrà adesso passare al vaglio del Senato, i cui lavori in merito dovrebbero iniziare martedì 6 dicembre con le comunicazioni del Presidente Grasso sul calendario dei lavori.

Facciamo il punto sui provvedimenti adottati alla Camera.

I provvedimenti approvati dai deputati, frutto di emendamenti alla manovra, sono i seguenti:

rifinanziamento con 2 mln del Fondo per il risarcimento dei precari  oggetto di contratti a tempo determinato su posti vacanti per più di 36 mesi;

interpretazione del comma 131 della legge n, 107/2015, in base alla quale i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati con il personale docente, educativo e Ata (per la copertura di posti vacanti e disponibili), che non possono superare la durata complessiva di 36 mesi (anche non continuativi), sono quelli sottoscritti a partire dal 1° settembre 2016;

assunzione dirigenti scolastici, a partire dal prossimo concorso, anche nel corso dell’anno scolastico ed entro il 31 dicembre;

stanziamento di 27 mln per i i percorsi di alternanza scuola lavoro e per i percorsi formativi relativi ai contratti di apprendistato;

Bonus “STRADIVARI” per l’acquisto di strumenti musicali da parte di studenti dei conservatori e scuole musicali: l’agevolazione prevede una spesa massima di 2.500 euro e potrà coprire il 65% del prezzo di acquisto dello strumento musicale;

modifica delle modalità delle erogazioni in denaro (il cosiddetto “School bonus”) dei privati alle scuole (sia statali che paritarie), che dovranno essere destinate direttamente alla scuola di preferenza (sul C/C della scuola scelta) e non al bilancio dello Stato, come era previsto sino ad ora. Le scuole beneficiarie, inoltre, dovranno versare il 10% delle somme ricevute allo Stato che, a sua volta, le ripartirà alle scuole destinatarie di donazioni inferiori rispetto alla media nazionale;

stanziamento di 23,4 milioni per le scuole paritarie che accolgono alunni disabili;

chiarimento in merito all’espressione “Istituzioni scolastiche” nel Programma Operativo Nazionale per la Scuola 2014-2020, ove con l’espressione citata si fa riferimento sia alle scuole statali che paritarie;
aumento contributo aggiuntivo scuole infanzia paritarie da 25 a 50 milioni di euro, ma si riduce l’importo massimo – per alunno o studente – detraibile per spese sostenute per la frequenza delle scuole, statali e non.

Quelle sopra riportate, dunque, sono tutte le misure previste dalla legge di Bilancio, così coma approvata dalla Camera dei deputati, in attesa di quello che succederà in Senato.

Tutto sulla legge di bilancio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur