Legge 440/97: per il 2010 una ulteriore riduzione delle risorse economiche

di redazione
ipsef

comunicato FLCGIL – Le commissioni parlamentari esprimono il parere sullo Schema di direttiva 2010 ad anno ormai terminato

comunicato FLCGIL – Le commissioni parlamentari esprimono il parere sullo Schema di direttiva 2010 ad anno ormai terminato

Nei giorni scorsi le Commissioni Parlamentari di Camera e Senato hanno espresso il loro parere sullo Schema di Direttiva annuale per l’anno 2010 concernente gli interventi “gli interventi prioritari, i criteri generali per la ripartizione delle somme, le indicazioni sul monitoraggio, il supporto e la valutazione degli interventi previsti dalla legge 440/97”.

Lo schema di Direttiva individua i seguenti ambiti di interventi

  1. Ampliamento dell’offerta formativa
  2. Formazione e sostegno all’innovazione
  3. La scuola digitale
  4. Miglioramento dell’offerta formativa delle scuole paritarie
  5. Integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap nonché degli alunni in ospedale o seguiti in regime di day-hospital
  6. Istruzione post-secondaria, degli adulti e programmi di istruzione-formazione-lavoro
  7. Valutazione degli apprendimenti
  8. Promozione, sostegno e documentazione dell’innovazione

Le risorse disponibili sono pari a circa 129 milioni di euro, ossia 10,5 milioni di euro in meno rispetto allo scorso anno ed in linea con il trend degli ultimi anni. Persino la VII Commissione del Senato nel parere, pur positivo, esprime rammarico per questa ulteriore riduzione dello stanziamento!

La VII Commissione della Camera, nel proprio parere, evidenza come gli interventi elencati non siano tutti in linea con le attività finanziabili in base alla normativa vigente ed in particolare per quanto riguarda le misure a sostegno delle problematiche legate alla disabilità.

Nel rimandare l’analisi dettagliata della Direttiva al momento della pubblicazione della versione definitiva, sottolineiamo come sia vergognoso il ritardo con cui i finanziamenti della legge 440/97 arrivino alle scuole. Ricordiamo che i fondi della direttiva 2009 sono stati accreditati con la tranche di luglio 2010 e cioè con quasi due anni di ritardo rispetto all’esercizio di riferimento. Un fatto inaccettabile che però è funzionale alla politica di discredito che porta avanti il Ministro quando rovescia addosso un enorme quantità di sfiducia nei confronti dell’autonomia scolastica e di dirigenti e direttori che a suo dire non saprebbero tenere in ordine i bilanci.

Versione stampabile
anief
soloformazione