Legge 107/15, Baldacci: da abolire perché presenta una visione della scuola asservita al sistema economico

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Buona Scuola continua ad essere oggetto di critiche, alcune delle quali parlano di revisione, altre di abolizione totale, come ad esempio dichiarato dal pedagogista Massimo Baldacci, professore all’Università di Urbino e coordinatore del gruppo teorico della Società italiana di pedagogia. 

Baldacci ha parlato della Riforma della Scuola in un’intervista a left.it.

Il motivo principale, per cui la Buona Scuola va abolita, secondo Baldacci, è che la stessa si fonda su una visione della scuola come fabbrica di produttori equipaggiati di un adeguato capitale umano, e quindi come asservita al sistema economico, anziché diretta allo sviluppo civile e democratico del Paese.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione