Legge 104, i permessi potranno essere presi anche per il convivente

Stampa

A decretarlo la Corte Costituzionale con la sentenza n. 213 del 23 settembre 2016.

Nella sentenza viene dichiarato costituzionalmente illegittimo l’art. 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 e s.m.i. (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate), relativamente alla esclusione del convivente tra i soggetti per cui è vietata la possibilità di fruire del permesso mensile retribuito per l’assistenza alla persona con handicap in situazione di gravità.

Si tratta, secondo la CC di una normativa irragionevole, perché rappresenta un inammissibile impedimento all’affettività dell’assistenza e dell’integrazione.

Scarica testo sentenza

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur