Lega per “ridurre” valore legale del titolo di studio nei concorsi

Di
WhatsApp
Telegram

red – Il carroccio ritorna sulla questione dell’abolizione del valore legale del titoli di studio e lo fa tramite il senatore Mario Pittoni, capogruppo della Lega Nord in commissione Istruzione del Senato.

red – Il carroccio ritorna sulla questione dell’abolizione del valore legale del titoli di studio e lo fa tramite il senatore Mario Pittoni, capogruppo della Lega Nord in commissione Istruzione del Senato.

Il Senatore, tramite un comunicato, ci informa di aver illustrato al ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, un piano per ridurre l’importanza del punteggio di laurea, privilegiando invece l’esito delle prove di valutazione nella determinazione della graduatoria dei bandi di concorso per titoli ed esami per assunzione nella Pubblica Amministrazione.

"Abbiamo inserito il ‘suggerimento’ – Scrive Pittoni – nel documento conclusivo dell’indagine conoscitiva della commissione Istruzione del Senato sugli effetti connessi all’eventuale abolizione del valore legale del diploma di laurea, votato all’unanimità dalla commissione. Se applicato porterà a una svolta che per il nostro Paese non è esagerato definire storica, fornendo tra l’altro la spinta decisiva al nostro progetto di riforma del reclutamento degli insegnanti, già sul tavolo del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, sul quale – ed è anche questa una novità – non ci sono veti da parte delle principali forze sindacali (non si è espressa solo la Cgil)".

"Dovesse passare – conclude Pittoni – avremo creato il precedente per rivoluzionare su basi di qualità l’intero sistema di assunzione nel settore pubblico"

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA