Lega, quali misure per la scuola?

Stampa

In vista delle elezioni, i partiti politici sono impegnati nella redazione dei programmi elettorali, nell’ambito dei quali le misure riguardanti la scuola avranno un ruolo non certo secondario.

I rappresentanti dei vari partiti sanno bene che gli operatori del settore chiedono, nella maggior parte dei casi, di correggere (se non abolire del tutto) la legge 107/2015, molte disposizioni delle quali sono state oggetto di aspre polemiche, in primis chiamata diretta, ambiti territoriali e bonus merito.

Tra i protagonisti delle prossime elezioni ci sarà Matteo Salvini, leader della Lega, il cui cavallo di battaglia, in tema di istruzione, è stato sempre  rappresentato dal reclutamento regionale, fondato sul domicilio professionale e relativi concorsi regionali. Vedremo se ciò verrà riconfermato nel programma per le prossime elezioni e se il medesimo sarà condiviso dagli alleati (Forza Italia e Fratelli d’Italia).

La condivisione dovrebbe essere alla base non solo delle misure sulla scuola ma di qualsiasi altra riforma, come dichiarato dallo stesso Salvini.

Stampa

Concorso STEM Orale e TFA Sostegno? Preparati con CFIScuola