Lega: con nuove regole migliaia precari emigreranno nord

di redazione
ipsef

TMNEWS – Capogruppo Pittoni: ci sarà l’assalto di chi oggi ha punti doppi

TMNEWS – Capogruppo Pittoni: ci sarà l’assalto di chi oggi ha punti doppi

Alla Lega Nord non piacciono le nuove modalità di gestione delle graduatorie dei docenti precari della scuola, dove sono inseriti 240mila candidati, pubblicate ieri con il decreto ministeriale n. 44: secondo il Carroccio, la decisione del Miur di dare seguito alla sentenza della Consulta n. 41/2011, permettendo ai supplenti di spostarsi da una provincia all’altra senza perdere punti, creerà uno spostamento di massa dei candidati del Sud nel settentrione, dove vi sono meno precari e più posti liberi.

Per il sen. Mario Pittoni, capogruppo della Lega Nord in commissione Istruzione del Senato, promotore di un ddl sulla formazione iniziale basato su concorsi regionali, "il ripristino della possibilità di trasferimento degli insegnanti precari da una provincia all’altra, getta nel panico decine di migliaia di docenti" perché "vi sono zone dove, per motivi tutti da approfondire, gli iscritti vantano punteggi anche doppi rispetto ad altre".

Pittoni ritiene che "senza interventi mirati, non essendo stata ancora varata la riforma del reclutamento che rivedrà i criteri di acquisizione dei punti, ci sarà l’assalto alle regioni del Centro-Nord e decine di migliaia di insegnanti locali e del Sud perderanno il posto per fare spazio a chi allora questa scelta non l’ha fatta e adesso potrebbe addirittura essere premiato con il ruolo".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare