Le scuole cattoliche devono o non devono pagare l’Imu? Più di 8.000 strutture coinvolte

Di
WhatsApp
Telegram

red – Secondo i Comuni devono "non sono luoghi di culto". E’ scontro aperto tra Comuni e scuole cattoliche, le seconde affermano di non dover pagare l’Imu in quanto enti no profit.

red – Secondo i Comuni devono "non sono luoghi di culto". E’ scontro aperto tra Comuni e scuole cattoliche, le seconde affermano di non dover pagare l’Imu in quanto enti no profit.

L’Agesc, della quale abbiamo accolto i comunicati, ha chiesto che le scuole paritarie, in quanto enti non profit, non paghino l’Imu. "Il presidente del consiglio non più tardi di due mesi fa – dicono dall’associazione – aveva garantito che non avrebbero dovuto pagare l’imposta".

Di diverso avviso sono i Comuni. Di certo è che in questi giorni alle scuole non statali, comprese quelle di estrazione cattolica, sono giunti i primi solleciti per pagare la tassa sugli immobili. Sono coinvolte 8.644 scuole che vengono ospitate in strutture appartenenti alla Chiesa. Una cifra non indifferente

La preoccupazione è che questi costi in più ricadano sulle tasse scolastiche che famiglie devono pagare.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia nel mese di dicembre trasmetterà tre nuovi incontri formativi gratuiti dedicati agli attori della scuola