Le richieste più assurde dei genitori a scuola, “le aspettative possono influenzare docenti e studenti”, “i presidi cedono per motivi di immagine”. I commenti sui social

WhatsApp
Telegram

La professione dell’insegnante è ricordata per la sua importanza e le sfide che comporta, ma una delle sfide meno discusse è la gestione delle richieste dei genitori, alcune delle quali possono essere categorizzate come ‘bizzarre’.

L’articolo recentemente condiviso dalla nostra testata, che riferiva le esperienze di Jane Morris, un’insegnante statunitense, ha suscitato molte reazioni tra i nostri lettori. Vediamo cosa dicono alcuni di loro.

Aine Eithne racconta un’esperienza traumatica in cui, durante un colloquio, un genitore l’ha chiusa in aula e ha distrutto un banco. L’incidente si è verificato dopo che ha suggerito che il figlio potrebbe avere bisogno di ulteriori valutazioni per le sue difficoltà scolastiche. Questo ci porta a riflettere sulla pressione e le aspettative che i genitori possono avere sugli insegnanti.

Elena Lemma esprime la sua frustrazione sul fatto che ai genitori venga concesso di fare richieste “indecenti” e che i dirigenti spesso cedano a queste pressioni per motivi di immagine. Il messaggio è chiaro: il sistema scolastico italiano ha delle carenze e gli insegnanti sono quelli che ne pagano il prezzo.

Nazareno Serra ci parla di come un suo studente continuasse a fare confronti con un insegnante precedente, nonostante ammettesse di non impegnarsi a fondo. Ciò sottolinea come, talvolta, le aspettative dei genitori possano influenzare la percezione degli studenti nei confronti dei loro insegnanti.

Antonio Giunta e Christian De Falco condividono esperienze simili, in cui i genitori fanno confronti tra l’approccio didattico attuale e quello di altri docenti in passato. Queste aspettative possono creare una pressione non necessaria sugli insegnanti.

Lucia Falciglia esprime un sentimento deciso: i genitori dovrebbero rimanere al di fuori della gestione scolastica. Mentre il coinvolgimento dei genitori è fondamentale per il successo degli studenti, è importante che essi rispettino i confini e la professionalità degli insegnanti.

Leggi anche

“Preferivo l’insegnante dell’anno precedente”, “sposti il test di matematica”, “mio figlio ha ingoiato la batteria dell’orologio”. Le richieste più assurde che i docenti hanno ricevuto dai genitori

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€