Le poesie da imparare a memoria a scuola, Fofi: “Un tempo era esercizio fondamentale. Una tradizione da aggiornare e riproporre”

WhatsApp
Telegram

“L’abitudine di fare imparare a memoria poesie considerate strumenti educativi indiretti o diretti, credo si sia persa da tempo, e uno dei motivi per apprezzare il ricordo di Gianni Rodari fu proprio quello di avere ridato nuova vita a quella storia, tornando a quella tradizione”.

Lo scrive Goffredo Fofi sul quotidiano L’Avvenire a proposito delle poesie imparate a memoria a scuola.

Imparare versi a memoria – prosegue – era considerato un tempo un esercizio fondamentale sotto tanti aspetti, e il fatto che, ancora in tanti, tanti versi ricordiamo delle poesie apprese allora, spesso anche ardue e importanti man mano che si cresceva d’età e dalle elementari si passava alle medie o alle ‘scuole d’avviamento professionale’, significa che non tutto della scuola di eri era da buttare, e che certe tradizioni potrebbero ancora, ‘aggiornate’, avere un senso, a scuola e nell’età adulta – di fronte alla prosa di tutti i giorni, e a quella, così “sgraziata”, degli scrittori e giornalisti più noti e aggressivi, e in assenza di poeti nostri amati dai grandi e tanto meno dai piccoli..

 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur