Le piattaforme di web learning: EMMA e LinkedIn learning

di redazione

item-thumbnail

Da quando il lockdown è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità, con l’imperativo di mantenere il più possibile le distanze per evitare il diffondersi del contagio dovuto al Coronavirus, abbiamo assistito al proliferare di piattaforme che permettono di gestire e portare avanti programmi di formazione online così da dare la possibilità a chiunque sia in possesso di un dispositivo multimediale e di una connessione a internet di apprendere nozioni e competenze.

Per la verità, già prima che il lockdown fosse una delle parole più citate dalla stampa e dalla cittadinanza, diverse piattaforme di web learning avevano negli ultimi anni preso concretezza, estendendo il loro apporto in termini di formazione in tutti i continenti, gratuitamente o a pagamento. Si tratta di piattaforme spesso gestione da singoli Atenei o da unioni di Atenei, oppure di piattaforme gestite da imprese private.

In quest’ordine di idee, un cenno va fatto alle piattaforme EMMA e LinkedIn learning, due esempi piuttosto diversi nel panorama delle piattaforme di web learning.

Partiamo da EMMA, che sta per European Multiple MOOC Aggregator, dove MOOC a sua volta sta per Massive Open Online Courses. Si tratta di una piattaforma “pilota” nata dall’esigenza di respiro europeo di mettere in comune le eccellenze formative e didattiche dei vari Paesi dell’Unione. In tal senso, EMMA si pone come un vero e proprio aggregatore di piattaforme delle varie Università europee, fornendo formazione gratuita e accessibile a tutti in diverse lingue ufficiali del continente (catalano, inglese, estone, francese, italiano, portoghese e spagnolo) e su diversi ambiti disciplinari (business, cultura digitale, istruzione, ambiente, cibo e alimentazione, scienze umane, tecnologia, scienze e salute).

Se il supporto dell’interculturalità e la condivisione delle eccellenze europee sono lo scopo di EMMA, discorso diverso va fatto per LinkedIn learning, la piattaforma adibita alla formazione nata in seno al più celebre social network dedicato al mondo del lavoro. Per sua natura, infatti, scopo principale di LinkedIn learning è lo sviluppo delle competenze, per aiutare le persone a meglio concorrere nel mercato del lavoro. La maggior parte dei corsi di formazione erogati sulla piattaforma sono in lingua inglese e si suddividono per tre aree maggiori (business, creatività e tecnologie). La piattaforma è a pagamento, seppure è previsto un periodo di prova gratuita. Elemento di grande interesse è il fatto che LinkedIn learning ci mostra il ruolo aziendale degli altri utenti che hanno seguito uno specifico corso, così da darci una concreta indicazione in materia di orientamento al lavoro.

Versione stampabile
Argomenti: