Le lauree e le prospettive di occupazione: uno sguardo sui dati di Almalaurea

WhatsApp
Telegram

Scegliere un percorso di studi universitario non è mai una decisione semplice. Oltre alla passione e all’interesse per la materia, molteplici fattori influenzano tale scelta. E uno di questi è indubbiamente la prospettiva occupazionale. Non si tratta di ridurre l’istruzione superiore a un mero calcolo di convenienza, ma di prendere decisioni informate.

Le lauree, come sappiamo, differiscono per molti motivi. Non solo per i contenuti didattici, ma anche per le prospettive di lavoro che offrono. E, talvolta, le differenze sono sostanziali.

Almalaurea, con i suoi rapporti annuali, fornisce dati preziosi a riguardo. E alcune discipline emergono come leader indiscussi in termini di occupabilità post-laurea. Si tratta in particolare di settori ad alta intensità tecnologica: Informatica, con un tasso di occupazione del 93% entro un anno dalla laurea, seguita da vicino dall’Ingegneria industriale e dell’informazione, con il 92,2%. Non sono da meno Architettura e Ingegneria civile, con l’86,1%, e le discipline Medico sanitarie e farmaceutiche, così come quelle Economiche, entrambe con l’83,4%.

Tuttavia, non tutte le aree mostrano questi numeri ottimistici. Le lauree in ambito Letterario-Umanistico, pur essenziali per la cultura e la società, vedono un tasso di occupazione dell’62,9% dopo un anno. E ancora meno brillanti sono le prospettive per le lauree in ambito Giuridico e Psicologico, sebbene va considerato l’importante fattore degli esami di stato richiesti per esercitare pienamente certe professioni in questi settori.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri