Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Le detrazioni fiscali per i figli minori non spetta più sono inglobate nell’assegno unico

WhatsApp
Telegram

Non si possono più chiedere le detrazioni in busta paga per i figli con età fino a 21 anni, ma si recuperano con l’assegno unico.

L’introduzione dell’assegno unico lo scorso marzo ha portato molte novità in quelli che sono i sostegni dati dallo Stato ai genitori. E una di queste novità riguarda proprio le detrazioni in busta paga per i figli a carico. Rispondiamo a tal riguardo ad un nostro lettore che ci scrive:

Buonasera
Ho 2 figli di 10 e 4 anni che vivono con la madre.
Abbiamo dichiarato le detrazioni fiscali al 50%, la madre le percepisce regolarmente in assegno unico, io da marzo 2022 non ho più detrazioni in busta paga. Come posso richiederle? Mi spettano?

Detrazioni figli minori a carico

Purtroppo no, non le spettano. Per i figli fino a 21 anni, ovvero quelli che hanno diritto a prendere l’assegno unico, non sono più riconosciute detrazioni in busta paga per i figli a carico. Sono state riassorbite dall’assegno stesso che, proprio per questo motivo, ha un importo più alto dei vecchi ANF.

Lo Stato proprio prevedendo questa perdita che avrebbe riguardato entrambi i genitori, ha previsto la possibilità di poter richiedere l’assegno unico anche il 50% per ciascuno dei genitori, visto che anche se sono separati o divorziati, se non vivono insieme, solitamente provvedono entrambi al sostentamento economico dei figli.

Non so se ha avuto accordi con la madre per la spettanza dell’assegno unico ed avete deciso di comune accordo che a prenderlo sia soltanto lei al 100%. Ma se così non fosse lei ha diritto a richiedere la sua quota di 50% della misura. La mamma, in sede di richiesta, infatti, deve per forza aver inserito il codice fiscale del padre dei figli per i quali ha richiesto l’assegno.

Se lei accede, tramite SPID, o facendosi assistere da un CAF/patronato, potrà modificare tale domanda indicando che l’assegno deve essere corrisposto in misura pari al 50% ciascuno. In questo caso deve indicare anche il suo IBAN sul quale, mensilmente, poi, la sua quota verrebbe accreditata. Solo in questo modo può recuperare le detrazioni per i figli a carico che ha perduto.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur