Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Le certificazioni delle Competenze nella scuola superiore: scarica un quadro sinottico

WhatsApp
Telegram

L’attuale sistema educativo nazionale di istruzione e formazione prevede l’obbligo della certificazione delle competenze acquisite dallo studente nell’assolvimento dell’obbligo di istruzione (della durata di 10 anni), quindi alla fine del primo biennio.

Il documento di “certificazione delle competenze di base” del biennio è conseguente agli esiti dello scrutinio finale e alla definizione, da parte dei consigli di classe, dei livelli raggiunti dallo studente in riferimento alle competenze di base specificate per i 4 assi nel modello del Decreto Ministeriale n.9 del 27 gennaio 2010 come, tra l’altro, ben sottolinea il Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma, diretto con una particolare attenzione alla sfera didattica-metodologica e pedagogica, oltre che con competenza manageriale, dal dirigente scolastico prof.ssa Maria Raspaolo, nel proprio “Protocollo di valutazione di Istituto”.

I livelli relativi all’acquisizione delle competenze

I livelli relativi all’acquisizione delle competenze di ciascun asse sono:

Livello di base

Lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Nel caso in cui non sia stato raggiunto il livello base, è riportata l’espressione “livello base non raggiunto” con l’indicazione della relativa motivazione.

Livello intermedio

Lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite.

Livello avanzato

lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell’uso delle conoscenze e delle abilità.

Esempio: sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli.

La certificazione delle competenze

La certificazione – come è specificato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma – prevede che le competenze di base relative agli assi culturali siano state acquisite dallo studente con riferimento alle competenze chiave di cittadinanza di cui all’allegato 2 del Regolamento emanato dal MIUR con il decreto del 22 agosto 2007 n.139 che sono:

  • imparare ad imparare,
  • progettare,
  • comunicare,
  • collaborare e partecipare,
  • agire in modo autonomo e responsabile,
  • risolvere problemi
  • individuare collegamenti e relazioni
  • Acquisire ed interpretare l’informazione.

Competenze sviluppate dallo studente in termini di capacità di utilizzare le conoscenze e le abilità personali

La certificazione delle competenze di base è coerente con la valutazione finale degli apprendimenti, ma – come è sottolineato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma – richiede in aggiunta a questa la valutazione delle competenze sviluppate nel biennio dallo studente in termini di capacità di utilizzare le conoscenze e le abilità personali, che afferiscono alla costruzione del sé, sociali, che afferiscono alla relazione con gli altri , e metodologiche che afferiscono al rapporto con la realtà; le competenze chiave di cittadinanza sono verificate in tre ambiti: in situazioni di studio e di “lavoro” e nella formazione personale.

Tale valutazione discende dalla predisposizione di una progettazione curriculare che individui le competenze obiettivo del percorso formativo e di una didattica costantemente finalizzata al raggiungimento delle stesse.

Per accertare i livelli delle competenze raggiunte si tiene conto della seguente griglia:

  • Gli strumenti di osservazione/apprezzamento per certificare le competenze
  • Gli strumenti di osservazione/apprezzamento per certificare le competenze sono i seguenti:
  • Compiti di realtà (attraverso progetti).
  • Prove esperte (attraverso progetti).
  • Prove autentiche (attraverso progetti).
  • Osservazioni sistematiche.
  • Rubriche di valutazione.
  • Portfolio (Alternanza Scuola Lavoro).

Per coloro che hanno compiuto il diciottesimo anno d’età ed hanno superato l’Esame di Stato è rilasciata d’ufficio.

Per gli alunni e le alunne con disabilità certificata ai sensi della Legge n.104/92 – come è specificato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma -il documento può essere accompagnato da una nota che rapporti i livelli di competenza raggiunti rispetto al PEI.

Prove comuni di Istituto

Al fine di monitorare l’acquisizione delle competenze essenziali relative alle singole discipline dei diversi corsi di studio e di confrontare le pratiche valutative, nell’Istituto si somministrano alcune tipologie di prove comuni di Istituto, elaborate dai docenti. Le prove comuni vengono decise nell’ambito di ciascun dipartimento.

Tali prove, assieme alle griglie di valutazione, vengono costruite tenendo conto dei seguenti elementi:

  • costruzione delle prove su competenze, che lo stesso Dipartimento ritiene essenziali per gli apprendimenti della disciplina oggetto della prova;
  • valorizzazione nell’ambito della valutazione, della capacità di far uso di quanto appreso in contesi diversi da quelli noti (competenza).

Le prove comuni di Istituto

Le prove comuni di Istituto – come è sottolineato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma – vengono deliberate ogni anno, nei primi mesi di scuola, da parte dei Dipartimenti. In tale contesto, si deliberano anche le modalità ed il calendario di somministrazione.

Sempre nel Dipartimento si monitorano e discutono i risultati conseguiti e la qualità degli apprendimenti conseguiti, nell’ottica di considerare l’apprendimento di determinate competenze un processo da governare collegialmente. Lo stesso Dipartimento individua punti critici e percorsi di miglioramento da attuare nel successivo anno scolastico.

Certificazione delle Competenze di alternanza scuola lavoro

La certificazione delle competenze di alternanza scuola lavoro è il risultato finale di un processo articolato nelle seguenti fasi:

  • descrizione delle competenze attese al termine del percorso, sia quelle specifiche che trasversali;
  • programmazione degli strumenti e azioni di osservazione;
  • verifica dei risultati conseguiti nelle fasi intermedie;
  • accertamento delle competenze in uscita.

Il processo di certificazione ed i soggetti coinvolti

Il processo di certificazione ed i soggetti coinvolti – come è sottolineato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma – sono richiamati dalla convenzione stipulata dall’istituzione scolastica con l’ente, che ospita gli studenti impegnati nel percorso.

Le competenze obiettivo, le procedure di verifica e i criteri di valutazione sono condivisi con il tutor scolastico ed esplicitati nelle schede progettuali dei percorsi. Gli esiti sono valutati con modalità strutturate e strumenti ricorrenti (ad es. le prove esperte, le schede di osservazione, i diari di bordo) che vengono adattati al percorso svolto. I risultati finali della valutazione vengono sintetizzati nella certificazione delle competenze attraverso la quale il tutor formativo esterno, ai sensi dell’art. 5 del D.Lgs. 15 aprile 2005, n. 77, «…fornisce all’istituzione scolastica o formativa ogni elemento atto a verificare e valutare le attività dello studente e l’efficacia dei processi formativi».

Per la validità del percorso di ASL è necessaria la frequenza di almeno tre quarti del monte ore previsto dal progetto. Se si svolge durante l’attività didattica, la presenza dell’alunno in alternanza va computata ai fini del raggiungimento del limite minimo di frequenza per la validità dell’anno scolastico. Se si svolge durante la sospensione delle attività didattiche, la presenza dell’alunno, registrata presso la struttura ospitante, concorre alla validità del solo percorso di alternanza.

Gli esiti del percorso – come è sottolineato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma – sono riportati nella certificazione delle competenze di alternanza scuola lavoro, che utilizza un modello elaborato d’intesa tra la Scuola e il Soggetto ospitante, compilata dal tutor esterno. Il modello, riportato in allegato, fa riferimento agli elementi minimi di attestazione indicati dall’art. 6 del decreto legislativo 13/2013, che sono:

  • i dati anagrafici dello studente destinatario del percorso di alternanza scuola lavoro;
    i dati dell’istituto scolastico;
  • i riferimenti alla tipologia e ai contenuti dell’accordo che ha permesso il percorso in alternanza;
  • i dati relativi ai contesti di lavoro in cui il percorso si è svolto, le modalità di apprendimento e valutazione delle competenze;
  • la lingua utilizzata nel contesto lavorativo;
  • le caratteristiche del percorso e le competenze obiettivo.

La certificazione delle competenze deve essere acquisita per gli scrutini finali

La certificazione delle competenze – come è sottolineato nel Protocollo del Liceo Scientifico Plinio Seniore di Roma – deve essere acquisita per gli scrutini finali degli anni scolastici compresi nel secondo biennio e nell’ultimo anno del corso di studi e, comunque, entro la data dello scrutinio di ammissione agli esami di Stato.

Il tutor scolastico provvede per ogni classe del triennio a:

  • registrare il numero di ore effettuate da ogni studente;
  • raccogliere gli esiti delle valutazioni effettuate, per ogni studente, da parte del tutor esterno e la documentazione afferente al percorso e ogni ulteriore elemento utile alla valutazione dell’ASL;
  • monitora l’andamento dei percorsi e la partecipazione degli studenti;
  • relaziona sullo stato di sviluppo delle competenze trasversali relative all’ASL e sui risultati raggiunti supportando il Consiglio di Classe nella valutazione complessiva dello sviluppo dello studente, anche con riferimento alle ricadute sulla valutazione delle singole discipline e del comportamento.

La predisposizione e raccolta della documentazione e la registrazione delle ore, attraverso l’applicativo del registro elettronico sono necessarie alla predisposizione del Portfolio dello studente.

Quadro sinottico delle competenze

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO