Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Le caratteristiche dei bambini plus-dotati: comportamento generale, apprendimento, caratteristiche creative, miti errati

WhatsApp
Telegram

Il tema della plus-dotazione è di una grandissima attualità e riveste, oggi più che mai, un ruolo centrale nel dibattito pedagogico e metodologico. Quando parliamo di alunni plus-dotati è necessario soffermarci, prima di parlare di strategie di intervento, sulle loro caratteristiche: comportamento generale, apprendimento e caratteristiche creative. Oltre che su alcuni miti “errati” costruiti attorno ai bambini plus-dotati. Miti che di fatto, talvolta, hanno complicato l’intervento pedagogico e formativo su di essi e attorno a essi.

Le caratteristiche comportamentali generali

Il comportamento dei bambini dotati differisce da quello dei loro coetanei nei seguenti modi:

  • Molti bambini plus-dotati (anche per quelli dotati abbiamo, quasi, un’analoga situazione) imparano a leggere presto, con una migliore comprensione delle sfumature del linguaggio utilizzato. Circa la metà della popolazione plus-dotata e/o dotata e di talento ha imparato a leggere prima di entrare a scuola (tra i 2 e i 5 anni di età). I bambini plus dotati spesso leggono abbondantemente, rapidamente e intensamente e possiedono un ampio vocabolario (tre o quattro volte superiore ai coetanei).
  • I bambini dotati di solito apprendono le abilità di base meglio, più rapidamente e con meno pratica.
  • Sono maggiormente in grado di costruire e gestire le astrazioni.
  • Affrontano compiti e problemi in modo ben organizzato, mirato agli obiettivi ed efficiente.
  • Mostrano una motivazione intrinseca ad apprendere, scoprire o esplorare e sono spesso molto persistenti.
  • “Preferirei farlo da solo” è un atteggiamento comune.
  • Di solito rispondono e si relazionano bene con genitori, insegnanti e altri adulti. Potrebbero preferire la compagnia dei bambini più grandi e quella dei loro coetanei.
  • Danno meno per scontato, cercando i “come” e i “perché”.
  • Possono lavorare in modo indipendente in età precoce e concentrarsi per periodi più lunghi.
  • Spesso raccolgono e interpretano segnali non verbali e possono trarre deduzioni che altri bambini devono aver spiegato per loro.
  • I loro interessi sono selvaggiamente eclettici e intensamente focalizzati.
  • Spesso hanno un’energia apparentemente illimitata, che a volte porta a una diagnosi errata di iperattività.
  • A loro piace imparare cose nuove, sono disposti a esaminare l’insolito e sono molto curiosi.

Le caratteristiche dell’apprendimento

I bambini plus-dodati, ma anche quelli dotati, per la verità, sono studenti che spesso mostrano molte di queste caratteristiche:

  • Potrebbero leggere molto da soli, preferendo libri e riviste scritti per bambini più grandi di loro.
  • Spesso traggono grande piacere dall’attività intellettuale.
  • Possono mostrare un acuto spirito di osservazione e un senso del significativo; hanno un occhio per i dettagli importanti.
  • Percepiscono rapidamente somiglianze, differenze e anomalie.
  • Spesso attaccano materiale complicato separandolo in componenti e analizzandolo sistematicamente.
  • Hanno poteri ben sviluppati di astrazione, concettualizzazione e sintesi.
  • Sono spesso scettici, critici e valutativi. Sono pronti a individuare le incongruenze.
  • Spesso hanno un grande magazzino di informazioni su una varietà di argomenti, che possono ricordare rapidamente.
  • Afferrano prontamente i principi sottostanti e spesso possono fare valide generalizzazioni su eventi, persone o oggetti.
  • Vedono prontamente le relazioni causa-effetto.
  • Spesso mostrano un atteggiamento interrogativo e cercano informazioni tanto per il loro interesse quanto per la loro utilità

Le caratteristiche creative

Le capacità creative dei bambini dotati spesso li distinguono dai loro coetanei. Queste caratteristiche possono assumere le seguenti forme:

  • Possono facilmente costruire ipotesi o domande del tipo “e se?”.
  • Spesso sono consapevoli della propria impulsività e irrazionalità e mostrano sensibilità emotiva.
  • Sono estremamente curiosi riguardo oggetti, idee, situazioni o eventi.
  • Possono vedere le relazioni tra oggetti, idee o fatti apparentemente non correlati.
  • Sono pensatori che producono nuove idee e formulano nuove risposte o altri modelli interpretativi di un’idea, di nuove situazioni o di nuovi problemi.
  • Possono essere meno inibiti intellettualmente rispetto ai loro coetanei nell’esprimere opinioni e idee, e spesso sono in forte disaccordo con le affermazioni degli altri.
  • Sono sensibili alla bellezza e attratti dai valori estetici.
  • Sono disposti a prendere in considerazione la complessità.
  • I bambini plus-dotati sono pensatori fluenti, in grado di generare opportunità, conseguenze o idee correlate.
  • Sono pensatori flessibili, in grado di utilizzare molte alternative e approcci molteplici per risolvere i problemi.
  • Sono pensatori originali, che cercano associazioni e combinazioni nuove, insolite o non convenzionali tra elementi di informazione.
  • Spesso mostrano animosità intellettuale e amano fantasticare e immaginare mondi diverse e realtà nuove.

Alcuni miti “errati” sui bambini plus-dotati

  • I bambini dotati sono così intelligenti che se la passano bene con o senza interventi “speciali”. Potrebbe sembrare che vadano bene da soli. Ma senza la sfida possono annoiarsi e diventare indisciplinati.
  • Devono andare a scuola con i loro coetanei per imparare da loro. Se è vero che i bambini hanno bisogno di giocare e interagire socialmente con gli altri bambini della loro età, non hanno bisogno di imparare con loro.
  • I bambini dotati sono coloro che sono destinati ad emergere in una classe. Non necessariamente, però avviene questo. I bambini plus-dotati possono avere difficoltà di apprendimento nascoste che non vengono scoperte perché possono facilmente compensarle nei primi anni. Col passare del tempo, però, diventa sempre più difficile per loro eccellere. Il che può portare a problemi comportamentali e, talvolta, a forme depressive.
  • Il talento è qualcosa di cui essere gelosi. Questo è forse il mito più dannoso. Molto spesso i bambini dotati possono sentirsi esclusi e incompresi. Hanno gusti più adulti in fatto di musica, abbigliamento, materiale di lettura e cibo. Queste differenze rispetto agli altri bambini possono far sì che vengano evitati e persino vittime di bullismo da parte di altri bambini. Il talento va condiviso e reso utile per tutti.
  • Dotato e talentuoso significa la stessa cosa. Ancora una volta, non necessariamente. Non esiste una regola che stabilisca che un bambino che è in grado di ottenere un punteggio elevato nei test di rendimento o nelle prove di verifica (anche quelle strutturate) debba essere considerato plus-dotato. Non esiste una regola secondo cui un bambino identificato come plus-dotato dovrebbe raggiungere standard elevati in classe. Questo tipo di stereotipi può causare danni gravi e irreversibili a entrambi i gruppi. Qualsiasi bambino può beneficiare dell’arricchimento, del potenziamento individuale. I bambini con talento scolastico possono beneficiare di interventi mirati e specifici. Bisogna farlo e impegnarsi per garantire questo tipo di interventi.

Vedi anche

Alunni plusdotati e ad alto potenziale nella Scuola, guida normativa e consigli pratici

Articoli sugli studenti plusdotati dell’area Didacta

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri