Le aule 4.0 presentate a [email protected] a Cagliari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le aule 4.0 sono state presentate in questi giorni a Cagliari, nel grande salone di [email protected], organizzato dalla Regione sarda con un gruppo di partner internazionali, tesi a costruire la scuola del futuro.

Le novità saranno rappresentate dai proiettori interattivi, i monitor touch, le penne digitali senza inchiostro e le nuove aule che si caratterizzano per la presenza di due o tre monitor touch di grande formato, videoproiettori interattivi sui quali vengono visualizzati i contenuti della lezione. Gli stessi strumenti potranno essere utilizzati in autonomia da gruppi di studenti per ricercare fonti ed elaborare.

E poi cambierà radicalmente l’organizzazione delle aule. Gli insegnanti non saranno sostituiti dai robot, ma tutto sarà davvero diverso. La nuova scuola l’hanno studiata esperti di pedagogia, ma anche informatici, designer e sviluppatori. Perché la classe con i banchi e le sedie sistemati in maniera simmetrica non esisterà più. Ogni spazio potrà essere sfruttato in maniera diversa, trasformandosi a seconda delle esigenze.

Gli arredi saranno modulari, spesso a forma di trapezio – racconta a La Stampa Rossella Gobbo, presidente di Assoedu, l’associazione delle aziende che producono i nuovi arredi delle scuole – Questa soluzione consentirà una rapida trasformazione dell’aula: da frontale a collaborativa fino a creare una vera e propria agorà». E allora sedie e banchi saranno leggeri, scomponibili, pieghevoli e colorati, da spostare rapidamente per comporre figure diverse: ampi gruppi di discussione, isole per il lavoro di una o due persone e anche quelli che gli esperti chiamano “fiori” destinati a gruppi di 5-6 persone. Al posto delle cattedre ci saranno carrelli mobili e così l’insegnante sarà in grado di spostarsi velocemente da un gruppo all’altro di alunni.

Le multinazionali della tecnologia sono presenti in questi giorni al salone [email protected] di Cagliari con le novità: Lenovo presenta il nuovo Yogabook, un notebook ultraleggero con un’autonomia della batteria da oltre 10 ore, che condivide quanto scritto sul quaderno grazie a onenote.

Acer ha presentato il notebook 11” semirugged, praticamente indistruttibile e resistente ai liquidi, che funziona con una penna in dotazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione