Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Lavoro dopo pensione, con la nuova IRPEF quante tasse in più?

WhatsApp
Telegram

Se si decide di proseguire l’attività lavorativa dopo la pensione di quanto aumenta la tassazione dovuta?

Dal 1 gennaio 2022 è in vigore la nuova IRPEF che modifica scaglioni di reddito e aliquote IRPEF. Quasi tutti i lavoratori avranno dall’applicazione della riforma fiscale un beneficio derivante da la minor aliquota applicata e la maggior detrazione riconosciuta. Rispondiamo ad un nostro lettore che ci scrive:

Ho intenzione di continuare a lavorare dopo il pensionamento, avvenuto il mese scorso. Percepisco una pensione lorda di 2200 euro al mese mentre se ricomincio a lavorare avrò uno stipendio lordo di circa 2500 euro al mese. Quante tasse dovrò pagare in più ogni anno cumulando la pensione con il lavoro? 

Lavoro dopo pensione e tasse

Prendendo a riferimento solo quanto previsto dalla riforma fiscale andiamo a calcolare quante tasse dovrà pagare in più continuando a lavorare dopo la pensione. Nel mio calcolo non terrò conto delle addizionali comunali e regionali trattenute dalla sua pensione in quanto variano da Regione a Regione e da Comune a Comune.

Il calcolo che le farò, inoltre, è riferito all’anno intero non sapendo quando inizierebbe a lavorare. Ma andando ad iniziare l’attività ad anno cominciato deve tenere presente che il reddito totale annuo, per il primo anno, sarebbe inferiore e così le tasse da pagare.

Se prendesse solo la pensione avrebbe un reddito lordo annuo di 28600 euro sul quale pagherebbe la seguente IRPEF:

  • Sui primi 15mila euro con l’aliquota del 23% pagherebbe 3450 euro
  • Per i redditi tra 15mila e 28mila pagherebbe un’aliquota del 25% pari a 3210 euro
  • per ciò che eccede i 28mila euro si applica una aliquota del 35% che sui 600 euro eccedenti equivale a 210 euro.

All’IRPEF dovuta di 6870 euro, poi, dovrebbe sottrarre le detrazioni da pensione spettanti che per redditi superiori ai 28mila euro si calcolano nel seguente modo: 700x[(50.000-RC)/22000] e nel suo caso sono apri a 680 euro. La tassazione solo sulla sua pensione sarebbe pari a 6190 euro.

Aggiungendo al reddito da pensione di 28600 euro anche il reddito da lavoro di 32500 il suo reddito complessivo sarebbe pari a 61100 euro. La prima cosa da sottolineare è che non avrebbe diritto a detrazione che si azzerano al superamento dei 50mila euro di reddito. Calcoliamo l’IRPEF dovuta:

  • Per i primi 15mila euro resta sempre l’aliquota al 23% che porta la tassazione a 3450 euro
  • sui redditi compresi tra 15mila e 28mila euro la tassazione è del 25% pari a 3210 euro
  • sui redditi compresi tra 28mila e 50mila euro la tassazione è del 35% pari a 7700 euro
  • sui redditi che eccedono i 50mila euro si applica una aliquota del 43% che porta ad una tassazione di 4773 euro.

Sul cumulo di redditi da lavoro e da pensione, quindi, grava una tassazione pari a 19133 euro e, quindi, che supera di circa 13mila euro la tassazione della sola pensione. Questo per il fatto che tutto il reddito da lavoro si posiziona oltre i 28mila euro prevedendo una tassazione più alta.

Tenga presente, in ogni caso, che il calcolo effettuato è solo indicativo non comprendo le addizionali regionali e comunali che, in ogni caso, sarebbe applicate alla tassazione dovuta sia nel primo calcolo che nel secondo.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito