Lavoratori fragili, proroga sorveglianza sanitaria al 30 giugno 2022

WhatsApp
Telegram

La sorveglianza sanitaria per i lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio è prorogata al 30 giugno 2022 nonostante la cessazione dello stato di emergenza il 31 marzo. Lo prevede il decreto riaperture, dl 24 marzo n. 24, pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella serata di ieri.

La proroga nell’allegato B:

Articolo 83, commi 1, 2 e 3 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77

Sorveglianza sanitaria lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio.

Le disposizioni dell’allegato B, come specificato dall’articolo 10 dello stesso decreto, sono prorogate al 30 giugno 2022 e vengono attuate nei limiti delle risorse disponibili autorizzate a legislazione vigente.

Pertanto: “i datori di lavoro pubblici e privati assicurano la sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio, in ragione dell’eta’ o della condizione di rischio derivante da immunodepressione, anche da patologia COVID-19, o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o comunque da comorbilità che possono caratterizzare una maggiore rischiosità. Le amministrazioni pubbliche provvedono alle attività previste al presente comma con le risorse umane, strumentali e finanziarie previste a legislazione vigente“.

L’inidoneità alla mansione accertata non può in ogni caso giustificare il recesso del datore di lavoro dal contratto di lavoro (art. 83, comma 2, dl 9 maggio 2020, n. 34).

Covid, da obbligo vaccinale alle mascherine, cosa cambia per la scuola. Decreto Riaperture in Gazzetta Ufficiale. TESTO [PDF]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur