Una lavagna antiproiettile nelle scuole americane per difendersi dai folli attacchi dei killer armati

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Dopo la strage di Newtown, le scuole americane vivono nel terrore che tragedie del genere possano ripetersi e corrono ai ripari.

Alcune scuole lo fanno armando gli insegnanti, altre indossando materiale protettivo, altre ancora adottando sistemi di fuga veloci.

Ma è arrivato un altro sistema per difendersi: la lavagna antiproiettili.

GB – Dopo la strage di Newtown, le scuole americane vivono nel terrore che tragedie del genere possano ripetersi e corrono ai ripari.

Alcune scuole lo fanno armando gli insegnanti, altre indossando materiale protettivo, altre ancora adottando sistemi di fuga veloci.

Ma è arrivato un altro sistema per difendersi: la lavagna antiproiettili.

E’ una tavoletta rettangolare, di 45 centimetri per 50, in bianco, rosa, celeste o verde, dall’apparenza semplice e innocua, che può assorbire le pallottole di una pistola senza neanche rimanerne scalfita.

La lavagna-scudo è prodotta da una società del Maryland specializzata anche in rinforzi per le porte e altre forme di difesa da possibili sparatori.

Resta appesa sulle pareti delle aule, ma ha sul retro due maniglie per tenerla fermamente davanti a sè, se ci si trova assaliti da un intruso armato.

Adesso anche alcune università hanno deciso di investire in questo prodotto. L’University of Maryland Eastern Shore ne ha comprati 200 esemplari.

Il creatore della lavagna-scudo, George Tunis, ha ricordato che nelle scuole, se arriva un pazzo armato, la prima difesa dei bambini e degli studenti viene proprio dai professori.

Invece di proteggere i bambini con il loro corpo, come è successo a Newtown, ora possono usare la lavagna, avendo la possibilità di uscirne vivi.

Se una lavagnetta sembra poco, Tunis ricorda che i killer sono spesso spinti dalla follia e non si soffermano dove trovano un ostacolo, ma cercano gli indifesi, per “massimizzare” il numero delle vittime, come è successo a Newtown,  Virginia Tech,  Fullerton,  Oakland,  Columbine, tutti luoghi dove il numero delle vittime è stato molto alto.
 

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare