L’autismo in Italia: ancora troppi ritardi per incompetenza e disinformazione per ottenere interventi mirati ed efficaci

di Giulia Boffa
ipsef

 Red – Oggi giovedi’ 27 settembre, nella sala Caduti di Nassiryia di palazzo Madama, il Presidente della Commissione Sanità Antonio Tomassini, le Senatrici Franca Biondelli, Fiorenza Bassoli terranno la conferenza stampa ”Norme per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle persone affette da autismo e per l’assistenza alle loro famiglie”.

 Red – Oggi giovedi’ 27 settembre, nella sala Caduti di Nassiryia di palazzo Madama, il Presidente della Commissione Sanità Antonio Tomassini, le Senatrici Franca Biondelli, Fiorenza Bassoli terranno la conferenza stampa ”Norme per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle persone affette da autismo e per l’assistenza alle loro famiglie”.

In Italia i malati di autismo sono circa 550.000, ma i dati sono in aumento del 78 % negli ultimi 5 anni e del 1000% negli ultimi 40 in tutto il mondo. Antonio Tomassini dichiara che al momento non esiste una cura specifica e l’unico intervento possibile è la tempestività e il coinvolgimento delle famiglia e della scuola una volta ottenuta la diagnosi.
 
In Italia, come dichiara la la senatrice Franca Biondelli componente della Commissione Sanita’ di palazzo Madama, per ottenere una diagnosi sono necessari da 1 a 3 anni, il 30% dei malati non riceve alcun intervento e il 20% viene trattato in modo errato per molti motivi, tra cui afferma" l’inadeguata informazione di base dovuta all’insufficiente diffusione di campagne di sensibilizzazione e di divulgazione sul fenomeno, la carenza di competenze nei servizi per la presa in carico degli individui autistici una volta divenuti adulti e la difficolta’ di individuare percorsi terapeutici standardizzati".
Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione