“Lauree abilitanti per l’insegnamento, formazione sul sostegno sistematizzata e continua. La proposta di Civati per il reclutamento

WhatsApp
Telegram

Il programma di Possibile, la formazione politica di Giuseppe Civati, ex Partito Democratico, ora candidato con Sinistra Italiana e Verdi, fa discutere. In particolare sui social gli utenti hanno dibattuto sull’abolizione dell’ora di religione fino alla scuola media. 

C’è un’altra parte del programma che merita attenzione ed è quella riservata al personale scolastico.

Per Possibile, “occorre il rinnovo del contratto di lavoro e l’allineamento dei salari a quelli dei colleghi europei: solo così ridiamo dignità al personale scolastico, docente e non”.

“Il percorso che porta all’insegnamento va semplificato, istituendo per ogni disciplina una laurea magistrale a indirizzo didattico, che includa pedagogia, nozioni di base di psicologia, comunicazione e tutte le metodologie innovative utili alla formazione dei futuri insegnanti. Tutti gli insegnanti, a prescindere dalla loro area di insegnamento, dovrebbero avere conoscenze almeno di base degli strumenti tecnologici, che dovrebbero diventare un supporto all’insegnamento”.

E ancora: “Va strutturato inoltre un tirocinio, condotto in sinergia tra scuola e università, che porterà ad acquisire, già con la laurea magistrale, l’abilitazione all’insegnamento e dunque il titolo di accesso ai concorsi a cattedra. Questi ultimi devono essere svolti regolarmente ogni due anni per un numero di posti calcolati sulla base del turn over e delle reali necessità delle scuole. Prevediamo una fase di transizione, in cui le immissioni in ruolo vadano a colmare le cattedre vacanti dopodiché, per il successivo triennio, l’organico deve essere stabilizzato. Solo in questo modo i singoli istituti saranno finalmente in grado di programmare al meglio l’offerta formativa, utilizzando in modo efficace l’organico dell’autonomia e in particolare le ore di potenziamento. La formazione dei docenti deve essere resa obbligatoria almeno negli ambiti stabiliti dal piano annuale, verificando la qualità degli enti formatori accreditati e affiancando loro un esperto in didattica. Anche la formazione dei docenti di sostegno deve essere sistematizzata e resa continua. È fondamentale che a svolgere questo delicato ruolo siano docenti specializzati e non, come spesso accade, docenti al primo impiego”.

Sulla progressione di carriera, invece, “il Decreto legge n. 36/2022, che risente dell’ottica che continua a prediligere il mercato dei titoli a una formazione seria e continua, vuole superare questa unica strada attraverso la “Scuola di Alta Formazione dell’istruzione”. Questa però non è la soluzione, i corsi tenuti presso questa Accademia saranno quadriennali e a numero chiuso, con un riconoscimento economico solo per una parte dei docenti formati. Inoltre, la progressione di carriera attraverso gli scatti di anzianità è molto lenta. Per accelerare questo meccanismo, la valutazione operata da un corpo di esaminatori, ed effettuata su richiesta del docente che intenda anticipare lo scatto, può essere uno strumento efficace”. 

PROGRAMMA [PDF]

Abolizione ora di religione alla primaria e alla media, salari docenti come in Europa, concorsi ogni 2 anni, lauree magistrali a indirizzo didattico. Il programma di Possibile [scarica PDF]

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli