Laureati in Scienze della formazione primaria: sì al concorso, no al ricorso

Stampa

Intervista al Presidente del Coordinamento Nazionale di Scienze della formazione primaria Nuovo Ordinamento Emma Villani.

“Hanno accettato il ruolo con riserva e sapevano a cosa andavano incontro” – così la docente commenta l’esito della Sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato sui diplomati magistrale, che nega l’inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento, utilizzabili annualmente per il 50% delle assunzioni in ruolo.

L’idea dei laureati è quella di non trasformare la scuola in una ammortizzatore sociale. Pertanto, sì al concorso, no al ricorso. E tutti in II fascia delle graduatorie di istituto.

Qualche giorno fa, sempre il Messaggero, aveva intervistato la Presidente del Mida, Rosa Sigillo, a difesa della categoria dei diplomati magistrale.

Diplomati magistrali. Rosa Sigillò (MIDA): licenziamento di massa, e non ci hanno fatto cambiare neanche provincia. Eppure mandiamo avanti le scuole

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia