Laureati AFAM chiedono abilitazione e accesso in II fascia per tutti. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Movimento Afam: AABB/Conservatori ed Accademie – Gent.mo Ministro, vorremmo sottoporle una questione importante, che riguarda noi AFAM – Conservatori e Accademie di Belle Arti, da anni trattati come il fanalino di coda dei docenti del MIUR.

Alcuni di noi hanno diploma vecchio ordinamento, altri diploma accademico di II livello (qualcuno entrambi visto che il VO è stato prima equiparato alla triennale e solo in seguito al biennio magistrale), alcuni anche in possesso dell’ulteriore biennio specialistico in didattica, siamo tuttora considerati non abilitati e dunque in III fascia; alcuni di noi hanno anche maturato anni di servizio in primaria, secondaria di I e II grado nelle nostre CdC o per potenziamento e/o sostegno.

Molti di noi hanno anche conseguito i 24 CFA, a frequenza obbligatoria ed estremamente performativi all’insegnamento.

Negli ultimi 2/3 anni ci vediamo scavalcati da ricorsi capillari in tutta Italia che inseriscono in II fascia, sebbene con riserva, docenti aventi meno titoli di noi che nel frattempo stanno lavorando al nostro posto.

Le chiediamo quindi di stabilire abilitazione e relativo accesso in II fascia a TUTTI i laureati AFAM (vecchio ordinamento o con laurea magistrale del nuovo ordinamento) che hanno anche conseguito sempre tramite AFAM (Accademie e Conservatori) i 24 CFA, mettendo fine a queste continue discriminazioni tra Conservatori e Accademie e disparità di trattamento tra ricorrenti e non.

Siamo docenti uscenti da Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale, una delle più importanti fucine di eccellenze italiane nel mondo.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione