Laureandi in cattedra, Azzolina: “Giovani sempre demonizzati in Italia, anche io ho pensato di andare via”

Stampa

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, interviene a Rai Radio 2, per parlare dell’attualità scolastica e non solo. Spazio anche ad una risposta riguarda l’approdo dei laureandi in Scienze della Formazione Primaria in cattedra.

“I giovani sono stati sempre demonizzati in questo Paese, anche io ho pensato di andare all’estero – ha raccontato Azzolina – Ora il ministero sta pensando di dare a giovani formati la possibilità di fare gli insegnanti della scuola primaria. Sono giovani che hanno fatto un tirocinio, sono stati valutati, e hanno una formazione sul tema. Da anni questi ragazzi insegnavano già nelle scuole ma nessuno aveva il coraggio di dirlo. Sono giovani preparati, non vanno demonizzati. Spendiamo migliaia di euro nella loro formazione universitaria e poi li mandiamo fuori? Servono in Italia, sono bravi, competenti e preparati”.

La ministra ha poi assicurato che “non stanno togliendo niente a nessuno, perché prima di loro ha diritto di insegnare chi ha l’abilitazione”.

“Ai giovani che vogliono andare all’estero direi che sto lavorando per permettere loro di restare in Italia – ha concluso Azzolina – Fare un’esperienza all’estero va benissimo, ma non deve essere una costrizione”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia