Laurea triennale non è titolo di accesso né ai concorsi, né alle graduatorie di istituto, né al TFA sostegno

di redazione

item-thumbnail

Numerosi laureati triennali, attratti dalla prospettiva di concorsi per l’insegnamento, chiedono se il titolo sia requisito di accesso. La risposta è negativa. 

Concorso straordinario secondaria

Il titolo di accesso è regolato dal Decreto Scuola entrato in vigore il 29 dicembre 2019: “ titolo di studio di cui all’articolo 5  del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59,  fermo restando quanto previsto all’articolo 22, comma 2, del predetto decreto”

Quindi laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento.

Accede con il diploma il docente che è in possesso di un diploma indicato come idoneo per l’accesso per classi indicate nella tabella B del DPR 19/2016 e successive modifiche. [ITP, Insegnanti Tecnico Pratici]

Al titolo di studio  per il concorso straordinario – laurea o diploma –  bisogna comunque associare specifici requisiti di servizio.  Concorso straordinario secondaria: requisiti di accesso, prove e programmi, procedura abilitazione

Concorso ordinario secondaria 

I titoli di accesso sono

  • abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure
  • laurea (magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) e 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Controlla classi di concorso a cui puoi accedere con la tua laurea oppure
  • abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente

Per i posti di insegnante tecnico-pratico (ITP) il requisito richiesto sino al 2024/25 è:

il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore (tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017).

Per i posti di sostegno:

Requisiti già indicati per i posti comuni oppure quelli per i posti di ITP più il titolo di specializzazione su sostegno.

Quindi no laurea triennale

Concorso ordinario infanzia e primaria

  • Laurea in Scienze della formazione primaria oppure
  • diploma magistrale  con  valore  di  abilitazione  e  diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli  istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero  e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente,  conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.
  • analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto dal miur

Per i posti di sostegno è necessario essere in possesso, oltre ad uno dei titoli suddetti, del titolo di specializzazione sul sostegno per il grado specifico.

Quindi no laurea triennale

Graduatorie di istituto

Il Decreto Scuola entrato in vigore il 29 dicembre 2019 disciplina così la riapertura della III fascia delle graduatorie di istituto

“4. All’articolo 1, comma 107, della legge 13 luglio 2015, n. 107, le parole: « 2019/2020 » sono sostituite dalle seguenti: « 2022/2023 » ed è aggiunto, in fine, il seguente periodo: « In occasione dell’aggiornamento previsto
nell’anno scolastico 2019/2020, l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie per posto comune nella scuola
secondaria è riservato ai soggetti precedentemente inseriti nella medesima terza fascia nonché ai soggetti in
possesso dei titoli di cui all’articolo 5, commi 1, lettera b), e 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n.
59 ».”

Quindi nuovamente laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento ma no laurea triennale.

Per i posti di ITP leggi ITP: graduatorie di istituto, concorso ordinario, TFA sostegno: 24 CFU sì o no?

TFA sostegno

Requisiti di accesso

  • abilitazione specifica per la classe di concorso
  • laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica,musicale e coreutica, oppure titolo equipollente ed equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso + 24 CFU  nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche
  • per gli ITP si attendono chiarimenti dal Miur Leggi tutto

No laurea triennale

Potrebbe capitare che un laureato triennale insegni anche in assenza del titolo completo, reclutato attraverso MAD (domanda di messa a disposizione) in assenza di aspiranti in possesso del titolo.

Questo però non ha effetti né sulla partecipazione ai concorsi, né per l’iscrizione nelle graduatorie di istituto.

Eccezione la laurea L19 Scienze dell’educazione
Lavorare nella scuola con laurea L19 Scienze dell’educazione. Tutte le opportunità

Eventuali consulenze vanno richieste all’indirizzo [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione