Laurea abilitante e formazione obbligatoria docenti: sapere bene una materia non significa saperla insegnare

di redazione

item-thumbnail

Andrea Gavosto Direttore Fondazione Agnelli commenta oggi sul Sole24 Ore la proposta del Sottosegretario Lucia Azzolina sui prossimi percorsi per diventare insegnanti. 

Penso a una laurea triennale per imparare i fondamenti della disciplina A cui aggiungere una laurea specialistica abilitante per chi decide di insegnare. Per me è inconcepibile iniziare a insegnare a 50 anni. Ma serve un percorso certo per arrivarci“. Così Lucia Azzolina aveva spiegato l’idea per far ottenere ai docenti una preparazione adeguata.

Il Direttore Gavosto plaude all’idea: sapere bene una materia – dice – non significa saperla insegnare.

E avanza un altro tassello da prendere in considerazione: la formazione obbligatoria per i docenti già in servizio.

Pensata dalla Buona Scuola di Renzi – scrive Gavosto –  l’ultimo contratto di lavoro nazionale della scuola sottoscritto da Miur e sindacati l’ha invece riportata a un’ambigua opzionalità.

E dunque questo potrebbe un ulteriore spunto di riflessione per la nuova visione sull’istruzione alla quale ha accennato il Sottosegretario Azzolina.

 

Versione stampabile
soloformazione