L’aula del futuro: smart e creerà curriculum su misura per gli studenti

di redazione
ipsef

red – E’ il progetto avviao da IBM presso le Gwinnett County Public Schools, il 14° distretto scolastico degli Stati Uniti e per il quale ha stanziato ben 27,9 milioni di dollari.

red – E’ il progetto avviao da IBM presso le Gwinnett County Public Schools, il 14° distretto scolastico degli Stati Uniti e per il quale ha stanziato ben 27,9 milioni di dollari.

Considerato uno dei più grandi e significativi sforzi di trasformazione nella storia GCPS, il contenuto digitale, l’apprendimento, la valutazione nel sistema sperimentato da IBM iniziativa mirano a cambiare il modo in cui gli insegnanti insegnano e gli studenti apprendono. La visione di IMB è che la tecnologia permea l’educazione di tutti gli alunni, e strumenti digitali ampliano le mura della classe, favorendo la collaborazione e alimentando la creatività e l’innovazione in studenti e insegnanti.  

Il progetto mira a fornire un ‘aula flessibile’ che permetterà agli insegnanti di personalizzare l’istruzione ritagliandola per ogni studente, e di fornire l’apprendimento sia all’interno che all’esterno della classe, con l’obiettivo di rendere l’istruzione più coinvolgente per ogni studente. L’iniziativa prevede un rapporto 1:1 di dispositivo per studente.

Grazie alle nuove tecnologie, l’aula del futuro potrà registrare le informazioni su ogni studente e fornire suggerimenti agli insegnanti su possibili percorsi personalizzati. E questo dalla materna fino alle superiori.

Inoltre, grazie a piattaforme e-learning potranno essere distribuiti tra i docenti tutti i dati di analisi.

Insomma, una vera rivoluzione, ma che ha in sè anche qualche rischio, a partire da una eccessiva standardizzazione dell’insegnamento.

Un video, in lingua inglese, realizzato dalla IMB che spiega il progetto

Versione stampabile
anief
soloformazione