Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

L’apprendimento basato per indagine: un macro-contenitore di diverse metodologie.

Stampa

L’apprendimento basato sull’indagine è un tipo insegnamento induttivo. Com’è noto, questo presuppone un ragionamento che va dal particolare al generale, a differenza di quello deduttivo.

Ragionamento induttivo

Nel metodo induttivo, quindi, si parte da un’applicazione pratica dell’aspetto in esame, dal problema reale e dall’interpretazione di alcuni micro-dati, per giungere a conclusioni generali e, infine, alla teoria vera e propria, grazie al processo di astrazione e generalizzazione.

Com’è facile intuire, il ragionamento induttivo riscuote maggior successo tra gli alunni.

Questo perché, nel partire da un caso di studio o comunque dall’analisi di un micro-fenomeno con cui potrebbero anche essersi confrontanti nella realtà, riescono a metabolizzare meglio il concetto astratto, e a memorizzare meglio la teoria – in quanto la riportano alla pratica.

Ragionamento deduttivo

Eppure molte discipline, soprattutto tecniche e scientifiche, adottano spesso il ragionamento deduttivo per trasmettere la conoscenza di alcune teorie.

Tipicamente, infatti, qui si parte dal principio o dalla idea generale che gli alunni devono apprendere, per poi arrivare a delle esercitazioni pratiche (magari in laboratorio) che dovrebbero fissare nella mente dei discenti quanto appena imparato in maniera astratta.

Il percorso che parte dall’universale per arrivare al particolare, però, è spesso difficile da comprendere, soprattutto per i discenti con delle difficoltà in più rispetto agli altri.

L’apprendimento basato sull’indagine

Per questo motivo, negli anni si sono sviluppate diverse metodologie basate proprio sul ragionamento induttivo, più consono agli alunni.

Tutte queste metodologie rientrano in quello che viene definito “apprendimento basato sull’indagine”, (in inglese, Inquiry-based Learning).

Tale classificazione affonda le proprie radici nel costruttivismo, secondo cui gli alunni dovrebbero essere chiamati in prima persona a costruire, appunto, la propria conoscenza.

È quindi classificabile come una macro-categoria che riunisce tecniche basate sull’apprendimento attivo, dato che prevede (molto più di quelli della lezione frontale) momenti di dibattito, Q&A (questions & answers), ecc.

Infine, si predispone molto anche a un approccio collaborativo tra studenti, soprattutto nel project-based learning e nel case-based-teaching.

Tipologie di didattica basata sull’indagine

Il project-based learning e il case-based teaching sono solo due delle metodologie specifiche che si basano sull’apprendimento per indagine.

Si tratta, rispettivamente, di un apprendimento basato sulla realizzazione di un progetto di gruppo, e di uno studio di un caso reale (che rappresenta il particolare), per arrivare a trarre conclusioni generalizzate.

Le altre metodologie didattiche basate sull’indagine sono:

  • L’apprendimento per scoperta (Discovery-based learning), dove agli alunni viene posta una “domanda di ricerca” a cui loro devono rispondere con le modalità che preferiscono, senza che il docente li incanali su una strada particolare;
  • L’apprendimento per problemi (Problem-based Learning), dove agli alunni viene posto un problema mal strutturato (Ill-structured problem), per cui il loro primo compito sarà quello di trovare una strada innanzitutto per riformularlo, a ritroso: è sicuramente questo il metodo induttivo più difficile da sperimentare.
  • L’insegnamento Just-in-Time, in cui agli studenti viene chiesto di rispondere a un questionario online su argomenti che ancora devono essere spiegati dal docente: per rispondere al questionario, quindi, gli allievi dovranno consultare preventivamente delle dispense a riguardo.
  • La Flipped Classroom, o classe capovolta, dove questo metodo del Just-in-Time appena esposto diventa sistematico: a casa si studia la video-lezione, e in classe invece si svolgono gli esercizi e si risolvono problemi, in un’ottica fortemente collaborativa.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!