ANPI: “Preoccupati per i ritardi dovuti al mancato rinnovo del protocollo con il Ministero dell’Istruzione e del Merito”

WhatsApp
Telegram

La situazione relativa al rinnovo del protocollo tra l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (Anpi) e il Ministero dell’Istruzione, in vigore dal 2014, solleva crescenti preoccupazioni.

Il presidente nazionale dell’Anpi, Gianfranco Pagliarulo, esprime disappunto per i ritardi e l’incertezza che gravano su questo importante accordo.

A settembre, un incontro convocato dal Ministro dell’Istruzione ha portato alla proposta di ampliare il protocollo, includendo altre associazioni partigiane. In risposta, Pagliarulo ha suggerito il coinvolgimento della Confederazione delle associazioni combattentistiche e partigiane, che rappresenta oltre venti entità. Il Ministro ha accettato questa proposta e si è impegnato a inviare un nuovo testo del protocollo con modifiche tecniche.

Da quel momento, secondo Pagliarulo, non vi è stata alcuna progressione concreta. Nonostante i continui contatti, il testo del nuovo protocollo non è stato ricevuto, né è stata fissata una data per la sua discussione e firma. Un incontro programmato per l’11 gennaio è stato annullato all’ultimo momento, aumentando l’incertezza e la frustrazione tra le parti coinvolte.

Il protocollo originale aveva l’obiettivo di sostenere le istituzioni scolastiche nella formazione storica, promuovendo un modello di cittadinanza attiva. Pagliarulo sottolinea l’efficacia del protocollo, che ha generato numerose iniziative congiunte tra Anpi e Ministero, sottolineando l’importanza della conoscenza storica per l’educazione alla democrazia e ai valori costituzionali.

Il presidente dell’Anpi esprime preoccupazione per il rischio di perdere il valore educativo e formativo acquisito finora. Sottolinea l’urgenza di una chiarezza e tempestività da parte del Ministero. La richiesta è quella di un impegno formale per riprendere il dialogo e concretizzare il rinnovo del protocollo, considerato vitale per la formazione delle giovani generazioni.

La precisazione del Ministero

“Si apprende con stupore delle dichiarazioni di oggi del presidente dell’Anpi on. Pagliarulo, che in poche ore prima lamenta di non essere stato convocato al Ministero e poi di aver ricevuto finalmente convocazione in seguito alla sua nota di stamane. L’invito all’Anpi per il 25 gennaio era in realtà già stato fissato da giorni e con lui a suo tempo concordato. A questo appuntamento parteciperanno tutte le associazioni previste nel nuovo protocollo”.  È quanto precisa il ministero dell’Istruzione e del Merito.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri