Landini (moglie di Renzi) fa scuola: tacco alto sì o no per far lezione in classe?

Stampa

“Una testata specialistica come OrizzonteScuola non dovrebbe dare notizie del genere, siete scaduti”, sarà il tenore dei commenti dei “moralizzatori” esperti di comunicazione sulla nostra pagina FaceBook.

Non abbiamo la palla di vetro con la quale prevediamo il futuro, abbiamo già esperienza e conosciamo quale sarà la reazione di alcuni utenti.

La notizia, ad ogni modo, è stata fornita dall’ANSA, relativamente all’opportunità o meno di utilizzare il tacco alto a scuola.

La discussione è stata avviata da un nostro “vecchio” utente, “avidodinformazioni” che ha a suo attivo ben 14mila e 500 messaggi.

Il nostro “Avido” ha messo l’accento in particolare su un passaggio del lancio di agenzia che racconta del suo primo giorno di scuola: “é arrivata in auto a un quarto alle otto circa. In jeans azzurri, maglietta bianca, maglioncino rosa e tacco alto”.

La questione “tacco alto” ha innescato un lungo dibattito, di circa 4 pagine, sulla opportunità o meno di indossare tale indumento.

Se da un lato “tellina” confessa invidia per le proffe che usano i tacchi alti, ammettendo di utilizzare solo scarpe da “trincea” per i km che percorre giornalmente all’interno della classe, “ghirettina” rilancia dichiarando apertamente di non utilizzare neppure il trucco.

“Romado 72”, invece, preferisce il tacco 12/14, perché le piacciono, ma tranquillizza che si può avere fascino anche in ciabattina. Anche se al maglioncino rosa avrebbe preferito una giacca lunga.

Tra le motivazioni per cui il tacco alto non viene preferito dalle insegnati, almeno secondo quanto si legge tra i commenti, c’è il fatto che impediscono quella libertà di movimento all’interno di una classe, essenziale per gestirla e lavorare comodamente.

Anche se “chicca70” dice di non comprendere la demonizzazione delle scarpe col tacco alto, dato che ne esistono anche di comode.

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora