Landini (CGIL): “Portare l’obbligo scolastico a 18 anni. Formazione permanente per tutto il personale”

Stampa

“Credo che bisognerebbe portare l’obbligo scolastico a 18 anni e in più c’è un tema ulteriore: oggi la formazione deve diventare un diritto per tutte le persone che lavorano lungo tutto l’arco lavorativo”.

Così Maurizio Landini, segretario nazionale della Cgil, ospite della trasmissione radio ‘Il caffé della domenica’.

“C’è da investire molto nella scuola, nell’istruzione pubblica e nel diritto nella formazione permanente per tutti i cittadini. La conoscenza oggi è decisiva, le disuguaglianze aumentano perché i livelli di apprendimento non sono garantiti per tutti. Oggi sapere o non sapere le cose, essere in grado di poter usare le tecnologie digitali, è l’elemento che fa la differenza e quindi l’investimento sull’istruzione io credo sia strategico”, conclude Landini.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur