L’affondo del ministro Cingolani: “Dalla scuola che ho fatto a quella di mio figlio non è cambiato nulla”

Stampa

Quello italiano “è un modello formativo che è poco adatto a confrontarsi con i problemi reali”. Così il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani all’incontro “Economia” del Corriere della Sera su “Capitale umano – Come far crescere competenze e imprese”.

“Tutti dicono che serve una formazione più ‘stem’, precisa, matematica e tecnologica, ma dalla scuola che ho fatto io e quella dei miei figli, in 50 anni non è cambiato niente: le ore di matematica e di fisica sono quelle, l’approccio alla chimica e alla biologia è lo stesso, sono materie minoritarie anche al liceo scientifico. Non si prende il coraggio a quattro mani. Abbiamo un modello molto erudito ma che sviluppa poco la capacità di risolvere i problemi, l’approccio problem solving”.

“Questa cosa si risolve partendo dai bambini e se non abbiamo il coraggio di farlo continueremo a parlarne senza cambiare le cose”, continua Cingolani che “da ex professore universitario, da ricercatore e da padre di figli che vanno all’università” si chiede: che senso ha studiare tre volte le guerre puniche quando basterebbe studiarle una volta sola e dedicare quel tempo a qualcosa di più moderno?”.

“La fuga di cervelli è una cosa sana quando viene bilanciata da cervelli che entrano. L’ideale è che per 10 che escono, 10 entrino. Se continuiamo a fare regole che non consentono ai 10 di entrare ma solo ai 10 di uscire ogni volta, ci facciamo del male. Ogni tentativo di far entrare stranieri, è stato visto come un tentativo nemico del sistema. Francamente non vedo una grande volontà di fare investimenti sul capitale umano”.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!