Laboratorio odontotecnico: in allegato un esempio di regolamento

WhatsApp
Telegram

Il regolamento da predisporre nel caso in cui la scuola disponga di un “Laboratorio odontotecnico” dovrebbe riportare le fondamentali regole di comportamento civile, rispettoso e sicuro a cui gli studenti devono attenersi durante le lezioni svolte nello stesso, ciò al fine di ridurre e prevenire il rischio di incidenti sul luogo di lavoro.

Si riassumono brevemente le tipologie di rischio possibili in un laboratorio odontotecnico:

  • Rischio chimico
  • Rischio fisico
  • Rischio elettrico
  • Rischio biologico.

L’analisi dei rischi

A seguire l’analisi dei rischi in ambiente odontotecnico. A seguire le tipologie di rischi evidenziati e inseriti nel “Regolamento per il Laboratorio odontotecnico” predisposto dall’Istituto di Istruzione Superiore “Cristoforo Colombo” di Adria (Ro), diretto con competenza dal dirigente scolastico Dott.ssa Arianna Vianello.

Rischio chimico

È relativo all’uso incauto o alla manipolazione scorretta di agenti chimici, prodotti e materiali che possono causare danni a persone e cose.

Rischio fisico

È riconducibile ad un rischio meccanico e rischio termico.

Rischio meccanico

È relativo all’uso incauto di attrezzature, macchinari e strumenti che espongono la persona a possibili abrasioni e tagli anche attraverso schegge e frammenti che possono provocare ferite.

Rischio termico

È relativo all’uso incauto di tutte le attrezzature, macchinari e strumenti riscaldanti (ossia che producono calore, anche raggiungendo temperature notevoli) oltre che a tutti i contenitori o strumenti che vengono a loro volta riscaldati. Essi possono provocare bruciature ed ustioni importanti alla persona.

Rischio elettrico

È relativo all’uso incauto di apparecchiature alimentate da energia elettrica che espongono la persona al rischio di scossa elettrica, nonostante le attrezzature ed i relativi impianti siano conformi alle norme di sicurezza cee. É vietato lasciare contenitori contenenti buoni conduttori come acqua o liquidi infiammabili in prossimità di attrezzature elettriche.

Rischio biologico

È relativo all’uso incauto di dispositivi o materiali contaminati con residui biologici infetti che espongono la persona ad infezioni o patologie conseguenti, qualora non vengano rispettate le regole di profilassi per la pulizia, manipolazione e smaltimento dei dispositivi ricevuti dallo studio dentistico. Si ricorda che l’uso incauto di attrezzature, macchinari e strumenti possono danneggiare anche oggetti o arredi posti in prossimità delle suddette con conseguente danno anche per gli ambienti in cui esse sono poste.

Norme comportamentali

  • L’accesso al laboratorio – come si legge nel “Regolamento per il Laboratorio odontotecnico” predisposto dall’Istituto di Istruzione Superiore “Cristoforo Colombo” di Adria (Ro) – è consentito solo in presenza di un docente di laboratorio odontotecnico o di un docente accompagnatore di altre discipline. L’uso delle strumentazioni di laboratorio o l’esecuzione di lavorazioni specifiche del settore odontotecnico sono consentite solo in presenza del personale docente delle discipline di indirizzo.
  • È obbligatorio indossare il camice durante le lezioni svolte nel laboratorio odontotecnico.
  • È vietato a tutti gli studenti che operino nel laboratorio di odontotecnica di poggiare gli zaini sul pavimento nei pressi della postazione di lavoro, in prossimità delle sedie da banco o lungo i corridoi tra i banchi di lavoro. Pertanto, gli zaini devono essere depositati lungo il muro a ridosso della cattedra.
  • È fondamentale lasciare liberi i passaggi tra i banchi di lavoro, nelle zone limitrofe alle singole postazioni di lavoro e nei pressi delle uscite di sicurezza, soprattutto per facilitare l’evacuazione del laboratorio in caso di emergenza.
  • Gli indumenti, quali maglioni, giubbini, cappotti e simili, devono essere sistemati su appositi attaccapanni, o in mancanza dei suddetti, disposti su una/due sedie libere poste lontano dalle postazioni di lavoro.
  • Ad ogni studente viene assegnata una postazione di lavoro che manterrà sino al termine delle attività didattiche, previo cambiamento della postazione da parte del docente di laboratorio per motivi comportamentali o altro. In tal modo ogni docente sarà in grado di individuare lo studente responsabile di eventuali danni ai dispositivi annessi alla postazione in uso.
  • L’alunno è responsabile della propria postazione rispondendo in merito a ordine, pulizia e corretto funzionamento dei dispositivi e attrezzature annesse alla postazione di proprietà dell’Istituto Scolastico.

L’inizio delle lezioni: le verifiche

  • All’inizio della lezione ogni studente verificherà il corretto funzionamento dei dispositivi annessi alla propria postazione. In caso di malfunzionamento o rottura di tali dispositivi, ogni alunno avrà l’obbligo di avvisare tempestivamente il docente. È severamente vietato agli studenti intraprendere una qualunque iniziativa personale, quale toccare o manipolare il dispositivo mal funzionante, nel tentativo di ripristinare il corretto funzionamento dello stesso.
  • Le lavorazioni eseguite mediante attrezzature o strumenti da taglio o con effetto abrasivo ecc. devono essere effettuate in sicurezza, secondo le regole di buon senso, senza esporre sé stessi e i colleghi a rischi di tipo meccanico che possono provocare tagli, abrasioni o ferite conseguenti.
  • Le lavorazioni eseguite mediante attrezzature o strumenti riscaldanti (cioè che producono calore) o riscaldati devono essere effettuate in sicurezza secondo le regole di buon senso senza esporre sé stessi e gli altri a rischi di tipo termico che possono provocare scottature, ustioni o ferite conseguenti.
  • Prima dell’utilizzo di una qualunque sostanza o materiale inerente la lavorazione da effettuare, si deve verificare le relative caratteristiche di pericolosità, leggendo etichette e/o schede di sicurezza, e le avvertenze per la corretta manipolazione e conservazione dello stesso.
  • Ogni studente che esegue una qualunque lavorazione nella “Sala Gessi” ha l’obbligo, al termine della propria lavorazione, di lasciare il banco lavoro pulito ed ordinato al fine di consentire ai successivi studenti di eseguire il proprio lavoro in un ambiente consono, senza dover eliminare prima i residui dei precedenti colleghi di classe o dell’intera classe che lo ha preceduto.
  • Ogni materiale e relativo contenitore (gessi, resine, materiali per impronta, materiali per duplicazione, ecc.) utilizzato per eseguire una lavorazione deve essere richiuso e riposto nell’armadio in cui esso è collocato. Tale operazione è necessaria per salvaguardare l’integrità del materiale, mediante il rispetto delle regole di corretta conservazione relative ad ogni prodotto e per evitare possibili esalazioni o dispersioni nell’ambiente di eventuali prodotti volatili contenuti nel prodotto.
  • È severamente vietato eliminare e scaricare nei lavandini della Sala Gessi residui di lavorazione (gesso, resina, materiale da impronta ecc.) di dimensione visibile ed asportabile con le mani. Tutti questi residui devono essere prelevati manualmente mediante fogli di giornale o di carta dal lavandino e gettati nel cestino dedicato, riposto sotto il banco lavoro. Tale procedura è necessaria per evitare l’inutile accumulo di materiale nelle vasche di decantazione e a prevenire l’otturazione dei sistemi di scarico del lavandino.

Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.), lavorazioni, danneggiamenti

È obbligatorio – si legge nel “Regolamento per il Laboratorio odontotecnico” predisposto dall’Istituto di Istruzione Superiore “Cristoforo Colombo” di Adria (Ro) – l’uso dei Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) durante lo svolgimento di operazioni o lavorazioni per le quali non è possibile evitare o ridurre il relativo rischio ad un livello accettabile. Sono quindi obbligatori l’uso dei guanti monouso per evitare irritazioni cutanee durante la manipolazione di sostanze irritanti, l’uso di mascherina con filtro per evitare l’inalazione di polveri e particelle sospese, l’uso di occhiali di protezione e camice per evitare tagli da schegge prodotte durante la lavorazione, ecc. Ogni studente che, durante lo svolgimento di una lavorazione, dovesse avvertire una qualunque forma di fastidio, irritazione o malessere che in precedenza non aveva mai manifestato e che potrebbe essere imputata alla lavorazione, ha l’obbligo di segnalare la problematica al docente di laboratorio che provvederà ad intraprendere le azioni più idonee a salvaguardare lo stato di salute dello studente. In caso di danneggiamento delle attrezzature, dei dispositivi e degli arredi del laboratorio odontotecnico per incuria o per atti di vandalismo il responsabile dovrà corrispondere la spesa per la sostituzione della parte danneggiata. Se lo studente responsabile non dovesse essere individuato dal docente titolare della lezione, tutta la classe corrisponderà in parti uguali alla spesa che l’Istituto Scolastico dovrà sostenere per la riparazione.

Vietato portare attrezzature fuori dall’Istituto: le responsabilità

Se per eventuali progetti dimostrativi qualche studente dovesse utilizzare o portare fuori dall’Istituto strumentazioni del laboratorio odontotecnico di proprietà dell’Istituto Scolastico ne risponde di persona. Al termine dell’attività tali strumentazioni obbligatorio – si legge nel “Regolamento per il Laboratorio odontotecnico” predisposto dall’Istituto di Istruzione Superiore “Cristoforo Colombo” di Adria (Ro) – dovranno essere riposte nell’armadio del laboratorio dedicato, o riconsegnati al docente responsabile del progetto, o al docente accompagnatore, o al collaboratore scolastico della reception di istituto. È vietato abbandonare tali strumentazioni in un qualunque luogo dell’istituto diverso dal laboratorio odontotecnico.

Alcuni divieti

  • È vietato effettuare la pulizia della postazione di lavoro utilizzando l’aria compressa, che sposta semplicemente i residui di lavorazione dalla propria postazione a quelle attigue.
  • È vietato lavorare nel laboratorio odontotecnico indossando sciarpe con o senza frange, o qualunque oggetto pendente che possa mettere a repentaglio l’incolumità della persona. Prima di iniziare una qualunque lavorazione gli studenti devono togliere gli indumenti di intralcio alle attività e eventualmente devono raccogliere i capelli lunghi con elastici o simili.
  • È vietato lasciare il camice ed il proprio strumentario nell’armadio del laboratorio odontotecnico al termine delle lezioni ivi svolte. Ogni studente provvederà a portare i suddetti a scuola ogniqualvolta avrà lezione in laboratorio.
  • È vietato introdurre e consumare cibo e bevande all’interno del laboratorio.
  • È vietato correre, giocare, assumere atteggiamenti non consoni all’attività da svolgere nel laboratorio.
  • È vietato fumare.
  • I rotoli di carta e i detergenti di pulizia messi a disposizione del laboratorio odontotecnico dall’Istituto Scolastico sono destinati esclusivamente ad attività di laboratorio, quali la lavorazione e la pulizia e non all’uso personale dello studente.
  • È severamente vietato gettare a terra un qualunque residuo di lavorazione di qualunque materiale, soprattutto cera di modellazione e di lavorazione in genere, prodotti durante la lezione. Quindi nel corso della lezione e nelle operazioni di pulizia effettuate al termine della lezione, ogni studente raccoglierà tutti i residui prodotti nel foglio di giornale disposto nel cassetto della postazione di lavoro e getterà il tutto nel cestino dedicato.

Regolamento_laboratorio_odontotecnico

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio