La ViceMinistra all’Istruzione Anna Ascani firma il Manifesto per la Sostenibilità Digitale

Stampa

La Vice Ministra del Ministero dell’Istruzione Anna Ascani ha firmato il Manifesto per la Sostenibilità Digitale, elaborato dal Digital Transformation Institute e finalizzato a fornire spunti di riflessione importanti sugli impatti delle tecnologie digitali sulla società.

“La tecnologia e il digitale possono essere nostri alleati, se usati in maniera corretta, per affrontare le sfide del nostro tempo” ha commentato l’onorevole Anna Ascani. “Questa epidemia ce l’ha dimostrato concretamente: la didattica a distanza, praticata attraverso dispositivi tecnologici e piattaforme online, è stata fondamentale per continuare a garantire il diritto allo studio a bambini e ragazzi bloccati in casa in queste settimane di sospensione dell’attività didattica in presenza. Per servirci al meglio di queste nuove risorse, però, è importante utilizzarle consapevolmente. La scuola ha un ruolo centrale da questo punto di vista. È lì che gli studenti hanno l’opportunità di sviluppare competenze di cittadinanza digitale, per passare da fruitori passivi a gestori responsabili di mezzi che offrono infinite opportunità. Ho firmato volentieri questo Manifesto, per il quale vi ringrazio, perché pone l’accento sulla sostenibilità e dice che non c’è progresso che non passi dalla conoscenza e dall’educazione”.

I dieci punti del Manifesto, già sottoscritti nei mesi scorsi dalla Ministra all’innovazione Paola Pisano, hanno l’obiettivo di accompagnare una riflessione collettiva sulla possibilità di sfruttare positivamente le leve della tecnologia e del digitale per indirizzare nel modo giusto le scelte politiche in un quadro di sostenibilità definito dai 17 obiettivi di Agenda 2030 di Nazioni Unite.

Già il primo punto del Manifesto, “La trasformazione digitale non impatta solo sui processi cambiando il modo in cui si fanno le cose. Tocca la loro natura profonda, ridefinendone il senso”, soprattutto in questo periodo di emergenza da coronavirus con la didattica a distanza, ha dimostrato quanto il digitale possa modellare il senso della didattica e quanto possa (e debba) diventare strumento utile a produrre impatti positivi sulla società.

Ha dichiarato Stefano Epifani, Presidente del Digital Transformation Institute: “Quando abbiamo proposto il Manifesto alla Vice Ministra Anna Ascani eravamo tutti totalmente all’oscuro di quello che sarebbe successo con il Coronavirus. La sottoscrizione del manifesto sarebbe dovuta avvenire durante un convegno che, naturalmente, fu annullato a causa dell’emergenza. Ancora non avevamo la piena consapevolezza di ciò che sarebbe successo. I fatti hanno però dimostrato l’imprescindibile necessità di guardare alla sostenibilità digitale come ad un vero e proprio faro nelle scelte.

Dovremo ripensare molti processi e molte attività. In ognuna di esse la tecnologia, questi mesi lo hanno dimostrato, ha ed avrà sempre di più un ruolo centrale. Per questo è di fondamentale importanza guardare ad essa come strumento di sostenibilità: così da disegnare percorsi che ne facciano – in un momento particolarmente difficile – un’alleata per la costruzione di quella ‘nuova normalità’ della quale tanto si parla. Per farlo abbiamo bisogno di un sistema dell’educazione e della formazione realmente anti-fragile, il digitale in questo contesto non assume soltanto un ruolo strumentale, ma diventa strumento di rimediazione per lo sviluppo di modelli ed approcci nuovi, che sappiano aiutarci ad individuare nella difficile condizione nella quale ci troviamo una chiave di sviluppo che ci permetta di migliorare come individui e come società. La sostenibilità digitale per la didattica è tutta da disegnare, ed è una sfida tanto complessa quanto importante”.

Manifesto Sostenibilità Digitale

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur