La Valle d’Aosta vieta il cellulare in classe

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Approvando una mozione all’unanimità, il Consiglio regionale della Valle d’Aosta ha stabilito di introdurre dal prossimo anno scolastico il “divieto di utilizzare il telefono cellulare in classe durante le ore di lezione” ad eccezione dell’uso a fini didattici.

Il provvedimento è stato presentato da Maria Luisa Russo (Movimento 5 Stelle): “Il cellulare permette di essere ‘altrove’, nel cyberspazio, ma a scuola i ragazzi devono essere mentalmente in classe per apprendere tramite le relazione reale con gli insegnanti e i compagni”.

Inoltre, “secondo un sondaggio nel 2018 uno studente su due usa lo smartphone in classe, senza l’autorizzazione del professore, per scopi personali, cioè per chattare, consultare i social, giocare e svolgere i compiti in classe”.

La mozione, in dettaglio, impegna l’assessore “a sollecitare e, ove possibile, a impegnare i dirigenti scolastici affinchè inseriscano in tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado il divieto”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione