La valenza della formazione durante l’anno di prova per i docenti neoassunti. Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviata da Luigi Talienti – Uno strumento di incontrovertibile valenza, per avviare un efficace e proficuo processo di riqualificazione professionale, è sicuramente la formazione, strumento la cui utilizzazione deve essere implementata dal punto di vista qualitativo, per essere impattante e proficua. Ovviamente, l’Istituzione Scolastica, quale agenzia di socializzazione formale, deve farsi promotrice per l’affermazione di tale buona prassi, al fine di avviare un processo di valorizzazione di nuove strategie e metodologie didattiche, la cui adozione determina coinvolgimento per i discenti.

La formazione del personale docente, ai sensi della legge 107 del 2015, deve essere obbligatoria, permanente, strategica e deve essere riconosciuta come opportunità di effettivo sviluppo e crescita professionale, per una rinnovata credibilità sociale.

Un imprinting fondamentale per la crescita professionale è determinato dall’attività formativa, durante l’anno di prova, in cui il neo-docente deve essere accolto e accompagnato da un Docente tutor designato, in base alle sue connotazioni e competenze professionali.

Esercitare la funzione di tutor comporta
– Agire positivamente sull’autostima personale e professionale
– Favorire la crescita della fiducia in sé stesso e nelle proprie capacità
– Fornire indicazioni di lavoro e suggerimenti operativi da realizzare
– Fornire consigli e suggerimenti sulla base della propria esperienza personale
– Il tutor è una figura-ponte
– Rende familiare l’uso degli “attrezzi” (nel nostro caso la dimensione didattica e organizzativa dell’aula e della scuola)
– Fornisce informazioni di contesto per formare alla “cautela” e all’attenzione relazionale
– Facilita l’inclusione del nuovo docente nella cultura organizzativa della scuola

DIVENTARE TUTOR IMPLICA
– Assumere una responsabilità
– Diventare testimoni autorevoli
– Essere garanti dell’organizzazione
– Facilitare il processo di appartenenza.

Tale compito, oltre all’attivazione di laboratori efficaci, di guisa, tende all’accompagnamento proficuo del docente neo-assunto alla stabilizzazione del ruolo, il cui status è declinato, in ordine gerarchico dall’art. 33 della Costituzione e dai decreti delegati del 1974, quest’ultimi poi confluiti nel testo unico decreto Dlg..vo 297/94 e dall’art. n. 275/99 art. 1.

In particolar modo l’art. 33 della Costituzione sancisce che ‘ L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento’. Tale statuito prevede, quindi, che il Docente assurga al ruolo quale libero professionista per antonomasia. Principio confermato dall’art. 1 del Dlg.vo 297/94 il quale specifica che l’esercizio di tale libertà è diretto a promuovere un confronto aperto di posizioni culturali, la piena formazione della personalità degli alunni. Quest’ultimi essenza e linfa del lavoro nell’ambito scolastico e ai quali deve essere garantito supporto e orientamento a scuola, oltre la scuola e oltre il tempo scuola. Solo così si concorrerà, in maniera incisiva, alla formazione dello studente e alla costituzione di un profilo professionale e personale
consono ai valori giuridici, etici e morali che sovraintendono il regolare svolgimento della vita comunitaria.

Tale funzione, ovviamente, deve essere supportata da una governante efficace, garantendo la sua azione positiva e motivante nei confronti di tutti i soggetti. Pertanto, oltre a valorizzare le risorse ai sensi del Dlg.vo 165/01, il Dirigente Scolastico deve assumere il ruolo di coordinatore relazionale, che sappia leggere e decifrare il contesto in continuo mutamento e sappia palesare una effettiva naturalezza nel gestire le relazioni, ponendo particolare focalizzazione sulle persone e non sui problemi.

L’esercizio della libertà d’insegnamento si integra con altri diritti, pure di rango costituzionale, che fanno capo ad altri soggetti discenti e famiglie.

A tal proposito è opportuno citare l’art. 34 co. 1 della Costituzione che sancisce il diritto all’apprendimento e il diritto di accedere liberamente al sistema scolastico: ‘ La Scuola è aperta a tutti’.

L’art. 3, co.2, Costituzione, ovvero il diritto all’uguaglianza dei punti di partenza: ‘ E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana’.

Da tale premessa emerge che la funzione docente si estrinseca nell’ambito del dualismo Diritti e Doveri, come evidente in ogni testo normativo di riferimento. Tuttavia, la formazione non deve essere percepita quale attività rientrante nel novero dei doveri, altrimenti sarebbe concepita solo ed esclusivamente come adempimento di forma e non come spunto di crescita e di sviluppo.

La formazione, nell’anno di prova, si snoda nelle seguenti fasi, così come statuito dal DM 226/22:
– Redazione Bilancio delle Competenze di ingresso;
– Stipula Patto Formativo;
– Attività Didattica;
– Attività laboratoriali
– Bilancio Finale.

Tali attività mirano ad accrescere, per i Docenti Neo- assunti le seguenti competenze:
– Didattiche;
– Strategiche;
– Organizzative;
– Relazionali.

Competenze importanti per affrontare un’epoca, post-covid, che vede la Scuola pioniera del cambiamento e primaria Agenzia di Socializzazione Formale che si pone al centro del territorio, ponendo le basi per la costruzione di sinergie trasversali che possano essere in grado di affrontare delle criticità che la Comunità Educante non può affrontare come singola ed esclusiva Istituzione. Una grossa opportunità è fornita, senza dubbio alcuno dalla stipula dei Patti Educativi di Comunità, la cui attuazione e implementazione risulta, allo stato de quo, improcrastinabile.

Di tale cambiamento devono intendersi protagonisti tutti i rappresentanti delle varie componenti della Comunità Scolastica. Di guisa, la formazione assume valore fondamentale, attraverso l’individuazione di aree tematiche di rilievo.

Solo così la Comunità Scolastica assumerà la vera connotazione di Lean Organization votata al miglioramento continuo, in cui le risorse professionali vengono liberate dalle limitazioni e dai vincoli gerarchici e riunite nel team di processo che diventa, nel rispetto delle indicazioni direttive, autosufficiente e completamente responsabile dello svolgimento delle attività e delle qualità dell’output ottenuto.
Ovviamente un team in cui la conoscenza venga condivisa, al fine di generare confronto e competenza.

Solo percorrendo tale strada la funzione docente realizzerà il processo di insegnamento/apprendimento volto a promuovere lo sviluppo umano, culturale, civile e professionale degli alunni, sulla base delle finalità e degli obiettivi previsti dagli ordinamenti scolastici.
E’ il momento di cogliere come opportunità il cambiamento, ovvero come il prodromico presupposto per una riqualificazione strutturale del sistema educativo.

Cogliamo la sfida con l’auspicio di generare buone prassi, mutamenti sistemici e, soprattutto, poniamo le basi per sedimentare un senso di appartenenza dei discenti alla Comunità Educante e al territorio, solo così il tempo scuola sarà vissuto e non trascorso.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri