La vaccinazione deve restare obbligatoria come va garantito l’obbligo all’istruzione. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Mario Bocola – La vaccinazione a scuola deve essere obbligatoria, perché la scuola, come luogo di incontro, di condivisione, di aggregazione deve essere messa al riparo da eventuali epidemie, perché gli alunni, soprattutto, in età infantile sono molto vulnerabili da attacchi di germi e batteri che scatenano focolai infettivi.

 Dobbiamo stare attenti a proteggere i bambini che possono facilmente passarsi tra loro il focolaio infettivo per cui l’obbligatorietà della vaccinazione assume i connotati di un’azione preventiva. Occorre, quindi, fare prevenzione e informazione a tutti i livelli onde poter gestire eventuali situazioni complicate. Tuttavia i casi sporadici che si verificano non devono in alcun modo precludere l’obbligo dell’istruzione che deve restare garantito ai tutti gli effetti, ma soltanto porre una maggiore e puntuale attenzione alla prevenzione. Una cosa è chiara: controlli e prevenzione a scuola sono l’antidoto a qualsiasi emergenza considerata l’utenza di ragazzi in età scolare.

Versione stampabile
anief
soloformazione