La Uil: tempi brevi e certezza di risorse finanziarie specifiche per il personale della scuola

di redazione
ipsef

Il ministro Gelmini, dopo tante dichiarazioni, definisca rapidamente l’entità delle risorse per aprire la trattativa

Il ministro Gelmini, dopo tante dichiarazioni, definisca rapidamente l’entità delle risorse per aprire la trattativa

E’ importante ed urgente avviare il negoziato per il rinnovo contrattuale del personale della scuola secondo le modalità previste dal nuovo modello triennale – è quanto sottolinea la Uil Scuola nel dare notizia che il ministero delle Finanze ha predisposto il pagamento dell’indennità di vacanza contrattuale da aprile 2010 (il dettaglio in basso).

La vacanza contrattuale risponde a quanto previsto dal vecchio accordo del 1993, e viene erogata in base all’inflazione programmata, definita unilateralmente dal Governo.

Si tratta di un modello superato – spiega il segretario generale della Uil Scuola – bisogna passare, nei tempi più rapidi, all’applicazione del nuovo modello triennale 2010 – 2012 e definire temi e contenuti del nuovo contratto.

In riferimento al nuovo contratto il ministro della Funzione Pubblica ha firmato la direttiva all’Aran per la definizione dei comparti contrattuali; entro il mese di maggio, è previsto l’avvio della contrattazione per il CCNL 2010-2012.

Chiara su questo punto la posizione della Uil Scuola:
va aperto e rapidamente concluso il negoziato riconoscendo la specificità della scuola.
occorre giungere ad un accordo sugli incrementi retributivi in base al nuovo modello triennale
vanno definite ‘nero su bianco’ le risorse finanziarie specifiche (30% dei risparmi) da destinare alla valorizzazione delle professionalità.

Il ministro Gelmini, dopo tante dichiarazioni – continua Massimo Di Menna – definisca rapidamente l’entità delle risorse per aprire la trattativa.

__

(*) Come previsto dalla legge finanziaria 2009, il MEF ha disposto che con lo stipendio di aprile venga corrisposta ai dipendenti statali i cui contratti non sono stati rinnovati, l’Indennità di Vacanza Contrattuale (IVC), fermo restando il carattere provvisorio dell’emolumento e il riassorbimento nei benefici economici che saranno riconosciuti in sede di rinnovo dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro.
L’importo di tale assegno corrisponde, per i primi tre mesi, dal 1° aprile 2010 al 30 giugno 2010, al 30% del tasso di inflazione programmata per l’anno 2010 pari al 1,5% e, dal 1° luglio 2010, al 50% del suddetto tasso di inflazione programmata.
Tale procedura e il riferimento all’inflazione programmata (definita unilateralmente dal Governo) sono determinati dagli accordi del 1993 che, come noto, per i prossimi contratti sono superati dall’accordo per il nuovo modello contrattuale del gennaio 2009, che regolamenterà il prossimo contratto 2010-2012.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione