La Uil Scuola sollecita il ministro Frattini a sbloccare la selezione per gli insegnanti nelle scuole italiane all’estero

di
ipsef

Da oltre tre anni le selezioni linguistiche per il personale di ruolo da destinare alle scuole italiane all’estero, previste dalle vigenti norme contrattuali e legislative, sono state rinviate la da parte del Ministero degli esteri, per mancanza di risorse sui relativi capitoli di spesa del bilancio, con notevoli conseguenze per la qualità del servizio delle tante nostre istituzioni scolastiche e culturali presenti nel mondo.

Da oltre tre anni le selezioni linguistiche per il personale di ruolo da destinare alle scuole italiane all’estero, previste dalle vigenti norme contrattuali e legislative, sono state rinviate la da parte del Ministero degli esteri, per mancanza di risorse sui relativi capitoli di spesa del bilancio, con notevoli conseguenze per la qualità del servizio delle tante nostre istituzioni scolastiche e culturali presenti nel mondo.

noltre, Il mancato avvio delle procedure di selezione e dell’aggiornamento triennale delle graduatorie permanenti rischia di negare al personale della scuola la possibilità di accedere a tale mobilità professionale.

Con una lettera indirizzata al Ministro Frattini, il Segretario generale della Uil scuola , Di Menna, ha sollecitato un Suo immediato intervento al fine di poter individuare, di concerto con il Ministro dell’istruzione, Gelmini, le possibili soluzioni atte a garantire al più presto l’avvio delle procedure di selezione per destinare alle nostre scuole all’estero il personale che abbia le necessarie competenze professionali e linguistiche, in grado di poter contribuire al migliore funzionamento del nostro sistema scolastico all’estero.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione