La storia di Daniela, docente emigrata: “Per vivere mi restano 400 euro. Il fruttivendolo? Non ci si può avvicinare, va via mezzo stipendio”

WhatsApp
Telegram

Daniela, un’insegnante di 41 anni originaria di Messina, ha scelto di trasferirsi a Brescia pur di ottenere una posizione più stabile. In un’intervista a La Repubblica racconta la sua storia.

A Brescia, a differenza di Messina, Daniela ha potuto accedere rapidamente a una supplenza annuale, con la prospettiva concreta di ottenere un posto fisso l’anno successivo. Una decisione non priva di ostacoli: oltre all’evidente distanza da casa, Daniela si è scontrata con la realtà dei costi di vita più alti nel Nord e con esperienze di discriminazione dovute al suo marcato accento siciliano.

Tuttavia, il desiderio di avere una carriera stabile e di evitare la precarietà costante ha spinto Daniela a compiere questo passo audace. Nonostante le sfide, come le spese sostenute per l’alloggio e le differenze nelle pratiche didattiche tra le due regioni, la sua determinazione rimane intatta.

Mentre a Messina un insegnante rischia di rimanere precario per tutta la vita, a Brescia esistono maggiori opportunità di stabilità professionale. Ma il costo da pagare non è solo economico. Il distacco dalla propria terra, le difficoltà nel trovare un alloggio ad un prezzo accessibile e il dover fronteggiare episodi di discriminazione sono solo alcune delle sfide che gli insegnanti meridionali come Daniela devono affrontare quando si trasferiscono al Nord.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso