La storia della classe con 21 alunni e 20 lingue parlate. Un docente: “I test Invalsi ci dicono che in italiano siamo sopra la media”

WhatsApp
Telegram

Un albero di carta, ricco di simbolismo e di storie, accoglie gli studenti di una scuola media di Padova. Le sue foglie e i suoi cuori rossi raccontano una storia di multiculturalità, mescolando venti lingue diverse, tra cui dialetti, inglese, francese, berbero, turco, swahili, moldavo, hausa, yoruba, arabo, padovano, romanesco, darija, rumeno e bengalese.

Un microcosmo di futuro

Come segnala il Corriere della Sera, in questa classe di ventuno bambini che si affacciano all’adolescenza, le lingue si mescolano e si intrecciano, creando un microcosmo di futuro. La loro diversità diventa una ricchezza, un’opportunità per crescere e imparare gli uni dagli altri.

L’impegno per l’integrazione

L’istituto comprensivo, situato nel quartiere Arcella a dieci minuti dalla stazione ferroviaria, conta un 39% di studenti extra Ue o con almeno un genitore straniero. La scuola si impegna a favorire l’integrazione non solo attraverso le lezioni, ma anche con una serie di attività extracurricolari pomeridiane facoltative: flamenco, atletica leggera, musica, disegno, laboratori di lettura e ripetizioni.

Sogni e desideri

Nordin, nato a Padova da genitori marocchini, sogna di diventare ingegnere. Cynthia, nigeriana, aspira a fare la medico o la pallavolista. Angela, nata a Padova da genitori dello Sri Lanka, vorrebbe diventare hostess. Souhail, nato a Marrakech, si trasferì in Italia sei anni e mezzo fa e desidera diventare ingegnere aerospaziale. Adele, romana, sogna di fare l’attrice.

La lingua come strumento di inclusione

In classe si parla italiano, ma l’inglese è la seconda lingua. Il dialetto viene usato a volte per non farsi capire dagli altri. Le parole si mescolano quando sono sulla punta della lingua, ma non vogliono saltare fuori. La scuola insegna anche la Lis, la lingua dei sordomuti, per avere uno strumento universale di comunicazione.

Risultati Invalsi sopra la media

I risultati dei test Invalsi confermano l’efficacia dell’approccio inclusivo della scuola. “In italiano siamo sopra la media della Regione, dell’Area Nordest e dell’Italia”, afferma il vicepreside Thomas Bertalot.

Leggi anche

In classe 21 studenti e 20 lingue diverse, la preside: “La lingua non è ostacolo ma ricchezza”

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia