“La scuola sia luogo di pace e accoglienza, stop all’ideologia bellicista”. Nasce l’Osservatorio contro la militarizzazione nelle aule

WhatsApp
Telegram

“Fuori le forze armate dalla scuola”. Si tratta dell’appello lanciato dall’Osservatorio contro la militarizzazione delle aule che lo scorso 9 marzo ha presentato a Roma il primo report.

L’iniziativa, che vede l’adesione di personaggi come padre Alex Zanotelli, Tomaso Montanari, rettore dell’Università per Stranieri di Siena, il fisico e saggista Carlo Rovelli; la filosofa Donatella di Cesare, il vignettista Mauro Biani e Costanza Margiotta di “Priorità alla scuola”, fra gli altri, vuole infatti mettere in guardia dalla presenza sempre più frequente del mondo militare con quello scolastico.

Le scuole – scrivono i promotori nell’appello, come si legge su Il Fatto Quotidiano – stanno sempre più diventando terreno di conquista di una ideologia bellicista e di un controllo securitario che si fa spazio attraverso l’intervento diretto delle forze armate (in particolare italiane e statunitensi) declinato in una miriade di iniziative tese a promuovere la carriera militare in Italia e all’estero, e a presentare le forze armate e le forze di sicurezza come risolutive di problematiche che pertengono alla società civile”.

I componenti e promotori dell’Osservatorio parlano di “rappresentanti delle forze militari addirittura in qualità di ‘docenti’, che tengono lezioni su vari argomenti (dall’inglese affidato a personale Nato a tematiche inerenti la legalità e la Costituzione) e arriva a coinvolgere persino i percorsi di alternanza scuola-lavoro (PCTO) attraverso l’organizzazione di visite a basi militari o caserme”.

A conferma di ciò l’Osservatorio fa notare la presenza di protocolli di intesa firmati da rappresentanti dell’Esercito con il ministero dell’Istruzione e del Merito, gli Uffici scolastici regionali e provinciali e i singoli istituti.

Vengono portati anche alcuni esempi a tal proposito: il 9 luglio scorso gli studenti del “Giovanni Falcone” di Gallarate (Varese) erano stati impegnati come cuochi, camerieri e hostess nell’ambito delle attività di alternanza scuola-lavoro presso il Nato Rapid Deployable Corps Italy, il corpo di pronto intervento dell’Alleanza a guida italiana di stanza a Solbiate Olona così come il 22 febbraio scorso, alla presenza del Generale di Brigata Giuseppe Scuderi della base Nato e di Giuseppe Carcano, dirigente dell’Ufficio Scolastico della provincia di Varese si è svolta la premiazione degli studenti impegnati nei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento scuola-caserma e negli altri “percorsi formativi” svolti nel corso dell’ultimo anno scolastico.

Smilitarizzare le scuole e l’educazione – spiegano i firmatari dell’appello – vuol dire rendere gli spazi scolastici veri luoghi di pace e di accoglienza, opporsi al razzismo e al sessismo di cui sono portatori i linguaggi e le pratiche belliche, allontanare dai processi educativi le derive nazionaliste, i modelli di forza e di violenza, l’irrazionale paura di un “nemico” (interno ed esterno ai confini nazionali) creato ad hoc come capro espiatorio. Smilitarizzare la scuola vuol dire restituirle il ruolo sociale previsto dalla Costituzione italiana”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri