La scuola non deve essere riformata, deve uscire dalla nebbia. Lettera

Stampa

Inviato da Enrico Maranzana – Il ministro dell’istruzione Bianchi: “E’ tempo di fare una riforma della scuola e non ho paura di usare questa parola”. Un’intenzione che mal si concilia con quanto affermava Cicerone: Historia magistra vitae. Sono più di cinquant’anni che il legislatore ha operato per piegare le scuole alla cultura sistemica, senza riuscirci.

Sono quasi cinquant’anni che la legge ha posto a fondamento del problema educativo le potenzialità degli studenti e da queste, per raffinamenti successivi, ha disegnato i flussi decisionali. Anche in questo caso nessuna risposta è stata elaborata dalle scuole: le discipline rimangono il loro architrave.
La progettualità, che muove dal risultato atteso all’impiego delle risorse, è assente; l’insegnamento delle singole materie continua a infarcire il tempo scolastico.

Il ministro, continuando l’intervista rilasciata al tgcom24: “Serve una maggiore collaborazione con l’università”. Si tratta di una proposizione da prendere con le pinze; la mission della scuola è inconciliabile con quella accademica: la scuola è un complesso unitario, finalizzato, mentre l’insegnamento universitario è parcellizzato.

Situazione avvalorata dallo stesso ministro che ha ricordato la sua precedente “esperienza dell’Emilia Romagna dove gli istituti tecnici erano il massimo della nobiltà del lavoro”. I loro attuali curricula, infatti, sono lo sviluppo di quanto concepito da docenti delle superiori, coordinati da ispettori ministeriali alla fine degli anni ’80.

Concludendo: non è necessario riformare la scuola, il rispetto della legge è la leva su cui agire. Altrettanto importante è la ridefinizione della funzione docente in termini di progettualità: deve essere tracciata una netta linea di separazione dall’insegnamento universitario.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione