Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“La scuola nel cloud”: usare gli strumenti informatici per apprendere e condividere. Scarica un Project Working per la Primaria

WhatsApp
Telegram

È necessario partire dall’esercizio diagnostico: guardare ai bisogni del bambino e al mondo del bambino. Ogni bambino ha un senso di sé, degli altri, del proprio spazio e del proprio tempo. I bambini quando nascono sono centrati su se stessi e non hanno tempo. Il confronto con il mondo e con gli altri sta creando un processo di crescita, mediato dalla famiglia e dalla scuola. Quando arrivano a scuola è necessario conoscere il punto di partenza di ogni bambino per creare un processo di apprendimento comune.

I bisogni e le curiosità del bambino

La metodologia del project work basato sui bisogni/curiosità degli studenti cerca di creare una sfida che, per essere risolta, richiede la ricerca e la fruizione di nuovi contenuti.

La metodologia del lavoro del progetto attiva la partecipazione attraverso attività ludiche, giochi sonori e ritmici, giochi di immagine e lingua.

L’affettività e l’estetica

Il lavoro del progetto sviluppa l’affettività e l’estetica, richiedendo all’educatore di mediare l’apprendimento, negoziare azioni, regolare i processi e bilanciare il contributo di ciascuno nel gruppo.

II processo educativo complessivo

Oggi le esigenze della formazione e dell’educazione delle società contemporanee richiedono un’offerta di una visione più globale del mondo in cui si vive, la necessità di collegare l’apprendimento a situazioni e problemi reali, e di cercare che ciascuno interagisca con l’altro cooperativa modo di risolvere i problemi.

Educare e formare nella vita di oggi richiede lo sviluppo delle competenze per raccogliere informazioni, cura e comunicazione, per sviluppare capacità di argomentazione, per essere in grado di agire e affrontare nuovi problemi, per agire nella società in modo costruttivo e cooperativo, per essere in grado di per presentare proposte costruttive.

Nel mondo di oggi, si verificano cambiamenti molto rapidi con l’aumento dell’uso delle tecnologie. Nuovi studenti nascono in un mondo tecnologico e padroneggiano le nuove tecnologie.

La metodologia del project work permette al mondo contemporaneo di entrare in classe e aggiornare gli strumenti a disposizione degli insegnanti per aiutare i propri studenti a sviluppare abilità cognitive e affettive.

La metodologia di lavoro con il progetto per i bambini

Le metodologie di lavoro del progetto utilizzano metodologie di apprendimento attivo e di progetto, generate da dinamiche di gruppo e identificazione dei problemi. Combinano l’autoriflessione e l’osservazione dell’altro nel contesto per creare un’azione comune.

Si sviluppano in quattro fasi:

  • La rivelazione dell’esperienza di vita (dall’esperienza vissuta come oggetto rilevante), dove attraverso giochi di motivazione vengono esplorati liberamente e creativamente il mondo sensibile e i diversi materiali e trame, che mira a identificare la rilevanza e creare motivazione;
  • L’osservazione del problema, che parte dal riconoscimento delle pertinenze individuate operato attraverso la sua registrazione (disegni, scrittura, fotografia, registrazioni, oralità), che mira a fissare una conoscenza iniziale e creare un primo livello di coscienza;
  • L’esplorazione dei problemi osservando le loro domande da diversi punti di vista e creando un secondo livello di consapevolezza sulle caratteristiche degli oggetti (le loro strutture materiali) e sui loro significati (simbolici) e sulle diverse forme di utilizzo da parte della comunità (contesti di socievolezza);
  • L’appropriazione delle soluzioni ai problemi che mira a sviluppare un’azione comunicativa, attraverso un’azione di estroversione che permetta al soggetto di sviluppare la propria appropriazione del mondo e la propria consapevolezza di questo mondo.

Come per ogni processo di apprendimento i tempi descritti sono puramente indicativi, potendo ogni volta svilupparsi autonomamente o fondersi.

L’applicazione della metodologia di progettazione

Nel progetto il lavoro nelle scuole si svolge nelle seguenti fasi.

Diagnosi partecipata delle motivazioni

Comprende una ricerca degli interessi, delle conoscenze e delle esperienze precedenti degli studenti nel loro rapporto con il “curriculum”. Puoi scegliere un tema aggiornato, raccolto da una notizia del giorno. Non ci sono limiti alle idee progettuali, ma è conveniente che il progetto sia coerente con le linee programmatiche curriculari.

La selezione del tema del problema può includere giochi di dinamiche di gruppo, al fine di cercare di comprendere gli interessi maggioritari degli studenti. Una volta definito il problema-tema, è necessario creare una road map di base dell’ipotesi di ricerca. L’insegnante dovrebbe guidare il processo su una base collaborativa e partecipativa. Va tenuto presente che i progetti non dovrebbero essere solo raccolta di informazioni, ma dovrebbero mettere in relazione diverse fonti al fine di sviluppare il pensiero critico.

Analisi e sviluppo di problemi di gruppo di domande.

Ogni gruppo di studenti, attraverso il proprio tema problematico, e la definizione del copione di base, dovrebbe sviluppare le varie ipotesi (spiegando le ipotesi di indagine) per includere diversi punti di vista e diverse possibilità di problem solving, che devono essere testate e lavorate in gruppo , attraverso la divisione dei compiti.

Dopo il lavoro individuale, il gruppo dovrebbe fare un sondaggio delle informazioni raccolte, discutere le sue principali conclusioni, verificare se ci sono nuovi problemi a cui è necessario rispondere.

Il docente dovrebbe mediare il processo di analisi, favorendo l’emergere di sguardi critici sui temi e stimolando il pensiero riflessivo. L’educatore ha anche la funzione di stimolare l’autonomia degli studenti nella ricerca e selezione delle fonti di informazione e di condividere le informazioni con il gruppo. Lo sviluppo del progetto dovrebbe contribuire allo sviluppo di strategie per l’organizzazione delle conoscenze e delle conoscenze acquisite.

Azioni di comunicazione ed estroversione

La presentazione dei risultati del progetto (questioni/problemi) dovrebbe essere condivisa con il gruppo classe allargato attraverso la presentazione dei progetti.

La presentazione deve tenere in considerazione che è necessario:

  • Mostra il problema
  • Presentare il trattamento delle informazioni raccolte
  • Dimostrare le relazioni tra i diversi contenuti
  • Infine, alla fine di ogni presentazione, dovrebbe essere fatta una discussione aperta al gruppo per chiarire le questioni che sono diventate meno chiare e dovrebbe essere fatta una valutazione di gruppo.
  • L’autovalutazione di gruppo
  • Ecco una valutazione complessiva del lavoro svolto.

È importante che l’educatore faccia un bilancio finale del lavoro svolto, dando al gruppo il suo feed-back
L’educatore dovrebbe anche tenere presente che dovrebbe essere in grado di valutare i processi di appropriazione da parte degli studenti delle diverse conoscenze nella propria conoscenza.

I risultati dell’applicazione della metodologia del progetto

Il lavoro con la metodologia progettuale stimola la capacità di decidere, scegliere, parlare e ascoltare. Danno agli studenti la gioia di apprendere, di scoprire, la necessità di costruire e indagare, aiutare e sviluppare le competenze essenziali per la formazione integrale dell’essere umano. Project work: propone un coinvolgimento di studenti e docenti con conoscenza.

Lavorare con i progetti consente agli studenti di sviluppare competenze e rispondere a sfide complesse che stimolano gli studenti a cercare nuove conoscenze e consolidare le conoscenze acquisite e, attraverso il lavoro di gruppo, consente di creare le condizioni per sviluppare la creatività. Il lavoro con progetti realizzati durante tutto l’anno dovrebbe consentire l’integrazione della conoscenza come una “rete di domande significative” che invece di partire da una conoscenza centrata sull’oggetto, propone una molteplicità di sguardi sul mondo.

Il coinvolgimento dello studente

Il project work, basato sulla problematizzazione, parte dal coinvolgimento dello studente in un apprendimento significativo, forma il processo di ricerca, raccoglie ed elabora dati, formula ipotesi, stimola il processo decisionale, registra dati, formula ipotesi, prende decisioni.

Dalla soluzione del problema si cerca che lo studente diventi protagonista del proprio sapere.

Il PW in una scuola Primaria

Il Progetto Work #App…Rendere Scuola Digitale progettato e realizzato nel Primo Circolo Didattico di Castrovillari (CS), diretto con grande capacità professionale e organizzativa dal Dott. Giuseppe Antonio Solazzo, progettato dai docenti Ippolita Gallo, Anna Di Luca, Franca Orefice, Rossella Ciappetta e Francesco Salvatore De Giovanni, rende perfettamente l’idea di cosa sia e della ricaduta che abbia un PW per la scuola Primaria. Le stesse finalità del progetto vanno in tale direzione: “promuovere all’interno dell’organizzazione scolastica una reale cultura della condivisione e della collaborazione, sostenibile e continua nel tempo, utilizzando la rete e il digitale per produrre e diffondere la conoscenza. Ripensare ad uno spazio di apprendimento nuovo sfruttando a pieno le potenzialità comunicative, didattiche e sociali offerte dall’innovazione tecnologica”.

Scarica il Project Working

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia