La scuola come luogo di cultura o gigantesco intrattenimento sociale? Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviato da Giorgio Primerano – Circa la recente critica della mamma finlandese al sistema scolastico italiano, la prima cosa scontata da dire (ma che stranamente non ha detto nessuno) è che risulta difficile da una singola esperienza risalire per estensione a un giudizio sul sistema scolastico dell’intero territorio nazionale. 

Ma entrando nello specifico sullo sdegno della signora nordica per il fatto che i bambini, a differenza del suo Paese, non possano giocare e sfogarsi per 15 minuti dopo ogni ora, vorrei ricordare che già le ore scolastiche ormai sono di 50 minuti, che circa 5-10 vengono utilizzati per la compilazione del registro on line e che prima di cominciare a fare lezione è normale che un insegnante parli con i suoi studenti accertandosi di come stiano, ascoltandoli e dando loro comunicazioni di servizio.

Come si evince, dunque, poiché facendo in tal modo resterebbero solo 20-25 minuti per fare lezione, mi chiedo se la saggia signora ritiene che a scuola i nostri ragazzi debbano anche imparare qualcosa o se pensa che le nostre aule siano semplicemente un luogo di socializzazione con il mero scopo di far giocare e sfogare un po’ gli studenti.

E’ proprio questo il problema: la scuola di impronta gentiliana, pur con tutti i suoi limiti, aveva ben chiaro che quello fosse un luogo di cultura e che la cultura fosse utile alla vita; la nostra scuola liquida, invece, fatta di progetti finanziati da enti esterni, di slides e materiali on line, rischia di diventare un gigantesco intrattenimento sociale, dove l’idea di bildung, intesa come costruzione della personalità resta solo un lontano ricordo.

Pertanto non solo l’Italia non dovrebbe avvicinarsi al modello finlandese ma dovrebbe tenersene il più possibile distante, riscoprendo dalle sue ricche tradizioni il fine culturale mescolato alla cura per la crescita della persona umana.

Altrimenti il nostro ruolo di insegnanti consisterà solo  nell’ accompagnare i nostri studenti in cortile alla ricerca di grilli da portare a casa per sperimentare nuove farine ecologiche.

Sarà la nuova espressione di educazione alla cittadinanza?

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro